Passioni da “supereroi”: il nuoto di Giulia Di Mario

La rubrica delle persone comuni

pubblicato il 04/07/2016 in Attualità da Chiara pirani
Condividi su:
Chiara pirani

Una passione che inizia prestissimo.

Giulia ci racconta di aver vissuto intensamente ogni momento.

E anche se tornando indietro nel tempo il ricordo si fa un po' offuscato, l'emozione traspare a ogni parola. La mente non può cancellarla.

 

Ho iniziato a 4 anni, ma ero troppo piccola per ricordare il primo giorno di “lezione”. So solo che da quel momento non ho più smesso.”

 

Difficile raccogliere tutta la performance in una sola “bracciata”.

 

“Se potessi definire il nuoto in una parola sarebbe VITA, perché in questo momento è la cosa che mi dà più soddisfazioni, che più mi gratifica.”

 

I successi arrivano, non mancano.

Giulia sa che l'acqua l'accoglierà sempre, che non potrà mai deluderla.

“Ho capito di non poter fare a meno del nuoto quando ho iniziato a gareggiare.

Gli obiettivi da raggiungere erano sempre nuovi e continuano ad essere tanti.”

 

Una sfida contro se stessa che si rinnova ogni giorno, che si fa dura, ma mai impossibile da affrontare e da vincere.

 

Ci sono stati momenti bellissimi, ma anche attimi difficili, che sono riuscita a superare, trovando sempre la forza e la grinta necessarie.”

 

E non mancano neppure le competizioni in cui mettersi alla prova.

Ognuna ha qualcosa di speciale, qualcosa che fa crescere, che permette di migliorare, di riuscire a esprimersi, di vivere fino in fondo la carica del momento e di vincere, sempre, un'emozione e una soddisfazione in più.

“Considero ogni gara una crescita non solo a livello tecnico, ma soprattutto sul piano personale.”

La nostra atleta è giovanissima, ma lanciare uno sguardo un po' più in là è inevitabile.

Colpisce la sua voglia di vivere il momento, di godere al massimo ogni singolo istante, perché ogni sensazione, ogni emozione, ogni soddisfazione va vissuta al massimo.

 

Ogni vasca rappresenta un piccolo tassello per costruire il domani.

 

So il posto che il nuoto occupa per me in questo momento. Non posso sapere cosa mi riserverà il futuro, ma spero di vivere questo sport giorno per giorno.”

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password