Passioni da “supereroi”: a passo di stile con Carola Di Rosa

La rubrica delle persone comuni

pubblicato il 18/07/2016 in Attualità da Chiara pirani
Condividi su:
Chiara pirani

Si inizia molto presto, quando si tratta di una passione del genere.

Carola racconta di esserne stata travolta, tanto da uscire fuori dagli schemi prestabiliti, lasciandola fluire, libera di creare ed esprimersi.

“Ho disegnato il mio primo modello già da piccolissima: avevo 3 anni e all'asilo, quando facevo un disegno, mettevo sempre un figurino, anche se magari nel "tema" richiesto non c'entrava nulla.”

E poi quella passione si è trasformata in qualcosa di più: è diventata addirittura doppia.

“Ho creato il mio primo modello due anni fa: solo allora ho scoperto la seconda, fortissima passione per il cucito.”

Doppia passione. Doppia felicità.

Una felicità che trabocca del suo cuore e dalle mani laboriose.

 

Entusiasmo. Se dovessi definire la mia passione in una parola sarebbe sicuramente questa. Niente mi rende più felice.”

 

Creature tutte ugualmente preziose vengono fuori da un lavoro minuzioso e appassionato.

Ma, tra tutte, c'è sempre quella che trasmette qualcosa in più...

Un modello che preferisco non c'è. Di solito creo in base all'umore della giornata o al periodo che sto vivendo. Ma se dovessi scegliere, direi che quello che rappresenta qualcosa in più rispetto agli altri è il tailleur anni 20 di Cocó Chanel.”

Impossibile non capire di non poter fare a meno di questa passione.

“In ogni cosa che faccio schizzo dei modelli, mentre cerco di addormentarmi li creo mentalmente. So di poter contare sempre su questa passione sopratutto perché mi fa sorridere e mi riempie le giornate.”

Cucire e disegnare: non chiedo altro. È proprio questo che mi fa star bene con me stessa, che mi rilassa e mi fa dare il 100% di me.”

E, infine, buttiamo uno sguardo al domani.

Quella doppia passione è lì, sul gradino più alto.

 

“Io spero, anzi so, che la sartoria e il disegno occuperanno il primo posto nel mio futuro: quando fai qualcosa che ti piace, nonostante gli ostacoli da affrontare, hai sempre voglia di andare avanti.

È ciò che ti appaga e ti riempie la vita gioia: quello che fai, poi, non sarà più un lavoro, ma una passione da coltivare giorno dopo giorno.”

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password