Pensioni: la Cgil rifiuta la proposta del Governo

Mobilitazione proclamata per il 2 dicembre

pubblicato il 21/11/2017 in Attualità da Samantha Ciancaglini
Condividi su:
Samantha Ciancaglini

Nessuna proposta sembra piacere al fronte sindacale: mobilitazione proclamata per il 2 dicembre.

"Confermiamo un giudizio di grande insufficienza del testo che oggi il governo ha prodotto, coi suoi impegni rispetto alla legge di bilancio. La vertenza previdenziale è aperta e lo ribadiremo con grande forza e per sostenerla la Cgil indice per il 2 dicembre una prima mobilitazione", dice Susanna Camusso.

Partiamo da principio: il Governo si era presentato con un ulteriore pacchetto che tutte e tre i sindacati, Cgil, Uil e Cisl, avrebbero dovuto siglare, facendosi garante dell'immediata presentazione in Parlamento, blindandolo di fatto rispetto alle mire di modifica dei partiti. Cgil, infatti, si è sempre dichiarata contraria ai pacchetti proposti dal Governo, molto più positivi invece quelli della Cisl, così come la Uil.

Ma la Camusso non ci sta, il pacchetto presentato risulta "insufficiente""Confermiamo un giudizio di grande insufficienza del testo che oggi il governo ha prodotto, coi suoi impegni rispetto alla legge di bilancio. La vertenza previdenziale è aperta e lo ribadiremo con grande forza e per sostenerla la Cgil indice per il 2 dicembre una prima mobilitazione".

Si apre così una nuova fase, chi ce la farà?

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password