Colpito a morte durante una battuta di caccia in Abruzzo

La vittima è un sindacalista di 55 anni di Lanciano

pubblicato il 30/11/2013 in Attualità da Ansa
Condividi su:
Ansa

Un sindacalista della Faisal-Cisl e dipendente della Sangritana, Franco Pasquini, 55 anni, di Treglio, è morto nel corso di una battuta di caccia nelle campagne lancianesi, colpito probabilmente per sbaglio da un altro cacciatore. La vittima, inoltre, era assessore all'Urbanistica nel suo comune.

Pasquini sarebbe stato raggiunto da un colpo di calibro 12 all'addome. Circa 15 i partecipanti alla battuta di caccia al cinghiale nei boschi di Torre Sansone di Lanciano. Stando alle prime indiscrezioni, l'indagato per omicidio colposo sarebbe un altro cacciatore di 70 anni di Gessopalena, ma residente anche lui a Lanciano.

Il sindacalista 55enne lascia la moglie e tre figli. Gli inquirenti dovranno capire se si è trattato di un malfunzionamento al fucile che ha fatto partire il colpo fatale o se l'altro cacciatore ha sparato nella convizione di aver visto un cinghiale.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password