Tre italiani e un libico: traffico di armi tra Libia e Iran

Indiziati per traffico internazionale di armi

pubblicato il 31/01/2017 in Attualità da Samantha Ciancaglini
Condividi su:
Samantha Ciancaglini

No, non è una barzelletta. Tre italiani e un libico sono stati fermati dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Venezia, per traffico internazionale di armi.

Su ordine della Direzione distrettuale Antimafia partenopea, la Guardia di Finanza di Venezia ha eseguito nelle province di Roma, Napoli, Salerno e L’Aquila il fermo dei 4 indiziati: i tre, nel periodo dal 2011 al 2015 hanno introdotto in paesi soggetti ad embargo, quali Iran e Libia, in mancanza delle necessarie autorizzazioni ministeriali, elicotteri, fucili di assalto e missili terra aria.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password