Capodanno 2017, il bilancio: “184 feriti, 38 arresti, nessun incidente mortale”

I dati del Dipartimento della Pubblica Sicurezza mostrano un miglioramento rispetto agli anni scorsi

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 03/01/2017 in Attualità da Sabrina Vara
Condividi su:
Sabrina Vara

Per il terzo anno consecutivo non c’è stato nessun morto durante i festeggiamenti per l’arrivo dell’anno nuovo. I dati sugli incidenti, comunicati dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza mostrano un leggero miglioramento: in totale 184 persone sono rimaste ferite, di cui 44 ricoverate, a fronte dei 190 del primo giorno del 2016

Gli episodi più gravi sono stati causati dall’uso di botti e fuochi d’artificio illegali. Sei persone hanno riportate invece ferite da fuoco.

In generale, la polizia ha sottolineato un bilancio migliore rispetto agli anni precedenti. L’unico dato negativo riguarda i giovani:48 minorenni sono stati feriti, mentre lo scorso anno erano stati 38. Di questi, 22 hanno meno di dodici anni. Gli agenti hanno denunciato 216 persone a piede libero, mentre 38 sono state arrestate. Sono stati sequestrati 209 lanciarazzi, 16 armi, 4.817 munizioni, 2.754 kg di polvere da sparo, 6.586.000 articoli pirotecnici di vario genere.

Non ci sono stati morti, mentre gli episodi più gravi sono avvenuti a Bari, dove all’Ospedale Policlinico sono state ricoverate due persone di nazionalità albanese e un ragazzo di 16 anni che ha riportato ferite tali da far valutare la possibilità di amputazione di una mano.


(Fonte Internet)


Tanti i Sindaci che hanno emesso delle ordinanze dove vietavano l'uso di botti e fuochi d'artificio per la tutela e la salvaguardia di persone a rischio e per i nostri amici a 4 zampe.


Ovviamente, tanti non hanno rispettato le ordinanze ma direi che i dati statistici dimostrano che ,sicuramente, se ne fa meno uso rispetto agli anni precedenti anche perchè tanti di questi giochi pirotecnici costano veramente tanto.

Speriamo che il numero dei feriti in futuro diminuisca ancora e, soprattutto, che al Sud facciano sparire l'usanza di festeggiare con colpi di arma da fuoco, molto più pericolosi di un petardo. Infatti in passato ci sono stati anche dei morti a causa di questa usanza.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password