Grosso sequestro di marijuana a Bari

La Guardia di Finanza mette le mani su oltre una tonnellata e mezzo di stupefacente che avrebbe fruttato più di 15 milioni di euro

pubblicato il 12/12/2016 in Attualità da Luciano Mazziotta
Condividi su:
Luciano Mazziotta
Il gommone con i pacchi di marijuana

Se immessa sul mercato avrebbe fruttato all’organizzazione criminale oltre 15 milioni di euro. Ma le cose per fortuna sono andate diversamente e gli uomini del Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza di Taranto sono riusciti mettere le mani su oltre una tonnellata e mezzo di marijuanacon uno spettacolare inseguimento di un natante partito dalle coste albanesi, intercettato e abbordato con grande professionalità e perizia dalle velocissime vedette delle Fiamme Gialle pugliesi.

L’operazione è scattata dopo la segnalazione della Polizia albanese, tramite il nucleo di frontiera della Gdf a Durazzo, della presenza di una imbarcazione sospetta che si dirigeva a forte velocità verso le coste italiane. Subito i mezzi del Reparto Operativo di Bari, chiamato a contrastare i traffici illeciti via mare diretti in Puglia nonché Centro di coordinamento locale per l’operazione “Triton” dell’Agenzia Europea Frontex, si sono messi in azione lungo le rotte marittime del traffico di droga dall’Albania alla ricerca del natante e in breve tempo sono riusciti a localizzare, al largo di Mola di Bari, un potente gommone oceanico carico di involucri di sostanza stupefacente che navigava a forte velocità verso le coste baresi.

Dopo un inseguimento a forte velocità i finanzieri sono riusciti a bloccare la corsa del mezzo fuggitivo abbordandolo. All’interno del gommone, lungo circa 10 metri e con due motori fuoribordo da 350 cavalli ciascuno, i militari hanno rinvenuto oltre una tonnellata e mezza di marijuana confezionata in 78 pacchi di varie dimensioni. I tre scafisti albanesi di 34, 26 e 42 anni d’età che componevano l’equipaggio dello scafo, una volta condotto il natante alla Stazione Navale della Guardia di Finanza di Bari, sono stati arrestati. Nella loro disponibilità c’era anche una pistola Smith & Wesson con cinque proiettili pronta per essere usata. In tutto sono oltre 10 le tonnellate di droga sequestrate dalla Guardia di Finanza pugliese dall’inizio dell’anno nell’attività di contrasto e lotta contro gli stupefacenti. Le indagini adesso proseguono per risalire ai componenti dell’organizzazione criminale.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password