Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Allarme maltempo non ancora rientrato

Continua a salire il livello del Po’ , a Piacenza ha raggiunto i 6 metri di altezza

Condividi su:

Paura in Piemonte.  A Moncalieri, dove ieri a causa del cedimento di un argine, il torrente Chisola è esondato allagando tre borgate in cui vivono alcune migliaia di persone che hanno trovato ospitalità da amici e parenti, la situazione sta lentamente migliorando anche se restano problemi legati alla viabilità. Il Chisola è rientrato al di sotto dei livelli di attenzione, non ancora il Po che però da alcune ore sta costantemente scendendo e quindi dovrebbe tornare alla normalità in serata.

Sono riprese intanto in Val Chisone le ricerche a terra del 70enne travolto ieri mattina dalla piena di un torrente mentre tentata di mettere in salvo i suoi cavalli.
Continua a salire nel frattempo il livello del fiume Po che, a Piacenza, ha raggiunto in mattinata sei metri di altezza. In base alle previsioni dell'Agenzia interregionale per il fiume Po (Aipo), nella giornata di oggi raggiungerà i 7 metri. Per stanotte, tra le 2 e le 3 è prevista l'ondata di piena. Nella giornata di ieri sono stati sgomberati 12 edifici nell'area golenale, mentre oggi è stata la volta del circolo canottieri Nino Bixio.
Il livello nelle ultime 24 ore è cresciuto di oltre due metri a causa delle abbondanti piogge che hanno colpito il Piemonte. La situazione è costantemente monitorata dai tecnici.

Frane diffuse sul territorio, smottamenti e problemi all'erogazione idrica mentre la situazione meteo è tornata alla normalità in Val Bormida, dove dopo le piogge ci sono ancora criticità: sono lo strascico dell'ondata di maltempo che ha portato allagamenti e danni in tutto l'entroterra di Savona e Imperia. In Liguria il maltempo ha fatto anche una vittima: ieri è stato ritrovato il corpo di Mario Costaguta, il pescatore di 74anni disperso da mercoledì sera in mare tra Chiavari e Lavagna. I problemi di queste ore sono concentrati soprattutto nelle zone tra Murialdo, Calizzano e Bardineto, in alta Val Bormida. Alberi caduti sulle strade principali e nuovi interventi per i vigili del fuoco al lavoro per i ripristini sul territorio, principalmente sugli allagamenti che ancora richiedono l'utilizzo di mezzi per riassorbire acqua e fango, derivati dalla tracimazione dei torrenti della zona. I problemi maggiori nei comuni d'altura.
 

"La Calabria purtroppo è in piena emergenza e ancora disagi in Sicilia dove ci sono anche due dispersi  A Letojanni, continuano senza sosta le ricerche dell'uomo di 74 anni disperso a seguito del violento nubifragio che ierisi è abbattuto su tutta la fascia jonica della provincia di Messina. L'uomo stava tornando a casa in scooter. Ancora disperso anche un'allevatore 60enne di Sciacca, nell'agrigentino, la cui auto è stata ritrovata in un torrente. Nel messinese la pioggia incessante ieri ha allagato strade e marciapiedi facendo esondare alcuni torrenti e provocando frane e smottamenti. Tra Sciacca e Agrigento, l'esondazione del torrente Carabollace ha abbattuto diversi pali telefonici e danneggiato la linea internet, isolando una vasta area del territorio agrigentino. Decine gli allagamenti e le telefonate ai vigili del fuoco che sono intervenuti in esercizi commerciali e scantinati privati.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook