Ansa 4 novembre 1966 ore 21,42: "Firenze è un immenso lago immerso nelle tenebre..."

Come i giornalisti di Ansa raccontarono quel fatidico giorno

pubblicato il 04/11/2016 in Attualità
Condividi su:

In che modo la principale agenzia di notizie informò il mondo della tragedia che Firenze stava vivendo

Il racconto dell’alluvione da parte dei giornalisti di Ansa Dante Nocentini e Marcello Coppetti iniziò con il lancio delle 06,51: "L' Arno e' straripato, in Firenze, poco prima delle cinque, all' altezza della localita' Rovezzano, in un breve tratto del lungarno Acciaioli e del lungarno delle Grazie".

Ci furono poi  i lanci immediatamente  successivi 8.15:  la gente "comincia a lasciare le abitazioni o, chi non ha fatto in tempo, a rifugiarsi, dove possibile, ai piani superiori"
 

Ore 9,30 :  le acque "stanno invadendo il centro della città, in alcune zone hanno già superato il piano terreno delle case".
 

10,42: Le linee telefoniche sono interrotte. Firenze è completamente isolata"  i  corrispondenti Ansa  riuscirono a trasmettere la notizia  grazie a un ponte  radio militare: poiché trovarono riparo  al comando militare della regione in piazza San Marco mentre il poligrafico Gino Capacci rimase bloccato in redazione allora in via dei  Pucci dove l’acqua era arrivata a un metro e mezzo di altezza. 

Ore 14,51: "Continua a piovere e i mezzi di soccorso non riescono a raggiungere la citta' a causa delle interruzioni stradali" La situazione "si fa sempre piu' drammatica...in via Campofiore 16 famiglie sono sui tetti delle case in attesa dei soccorsi"

Ore 16.48:  "numerosi salvataggi sono stati effettuati nel centro della città con mezzi anfibi"

Alle 21,42 l’Ansa riassume con queste parole quella che negli anni a venire resterà nella storia italiana e mondiale come l’alluvione di Firenze: “ Firenze è un immenso lago immerso nelle tenebre, di acque limacciose che si estendono per oltre sei chilometri quadrati nei quartieri a nord dell'Arno e in un'area imprecisata nei quartieri a sud del fiume. L'inondazione, la più grossa dal 1270, interessa due terzi della città. Manca l'acqua, manca il gas, l'energia elettrica è erogata soltanto in alcune zone, il telefono non funziona. La situazione è drammatica nelle case di abitazione e negli ospedali. Anche nelle zone risparmiate dall'inondazione scarseggiano i rifornimenti alimentari; nelle altre è impossibile l'approvvigionamento".
Alle 21.50 la notizia che "l'Arno ha accennato lentamente a decrescere"

Infine l’epilogo la mattina del 5 novembre  " l’Arno lascia una città di fango, con migliaia di persone che vagano per le strade...non ci sono curiosi, ad aggirarsi smarriti, in questa scena allucinante, sono gli abitanti"
 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password