Aperta inchiesta della Procura di Palermo sui diciassette migranti arrivati cadaveri nello sbarco a Napoli

Alcuni corpi presentano segni di tortura e pare siano stati uccisi da miliziani libici

pubblicato il 24/10/2016 in Attualità
Condividi su:

Ancorata da questa mattina nel  di Palermo la nave norvegese 'Siem Pilot' con a bordo gli oltre 1.100 migranti, soccorsi nei giorni scorsi nel Canale di Sicilia e 17 cadaveri di profughi morti durante la traversata.

La Procura di Palermo,, ha aperto una inchiesta sulla morte dei migranti  per fare luce su quanto accaduto nel Canale di Sicilia.  Sembra che alcuni dei migranti siano stati uccisi da miliziani libici. Altri sarebbero morti durante il trasbordo. Quattro dei cadaveri presentano segni di tortur

Cinque medici legali eseguiranno nelle prossime ore l'autopsia sulle salme dei migranti arrivati al porto di Palermo. I pm stanno ascoltando l'ufficiale di collegamento italiano che era sulla nave norvegese 'Siem Pilot' e il Comandante norvegese. 

Sempre questa mattina altre due navi cariche di migranti sono arrivate in Siclia. La prima,  la nave militare ausiliaria tedesca Werra con a bordo 840 migranti è arrivata a Messina e l'altra Okyroe sulla quale viaggiano circa 800 persone.ad Augusta, in provincia di Siracusa. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password