Casalecchio di Reno: mancano gli insegnanti e l'unica soluzione è tenere i ragazzi a casa

All’Istituto tecnico commerciale Salvemini una soluzione particolare per far fronte alla mancanza di insegnanti

pubblicato il 06/10/2016 in Attualità
Condividi su:

Casalecchio di Reno (BO) la scuola è iniziata da più di venti giorni ma l’organico dell ’Istituto tecnico commerciale Salvemini già tristemente noto per la strage provocata da un aereo militare che nel 1990 fece 12 vittime e 72 feriti, lascia ancora a desiderare, mancano infatti gli insegnanti di sostegno per una scuola che conta 1500 studenti di cui 30 casi di ragazzi  che manifestano ‘bisogni educativi speciali’ (Bes) fino ai ragazzi di ‘gravità totale’.

Gli insegnanti ci sarebbero anche stati ma sono tornati tutti vicino alla loro terra d’origine in aspettativa o in malattia sperando  di ottenere un incarico in deroga vicino a casa.
Vista  la situazione il dirigente scolastico Carlo Braga, ha chiesto alle famiglie dei ragazzi che necessito il sostegno di  farli stare alcune ore a casa.Braga ammette di non aver chiesto questo a cuor leggero ma solo perché non  poteva fare diversamente ed ha poi concluso “una situazione eccezionale richiede soluzioni eccezionali”,

Braga ha avuto il sostegno di  tutti i genitori presenti che hanno manifestato rispetto e massimo impegno nel gestire una situazione già spiegata da  Braga  nel consiglio comunale di Casalecchio, nella seduta dedicata all’inizio dell'anno scolastico.  

Tuttavia non sono mancate le proteste fra i suddetti genitori nei confronti dell’intero sistema scolastico che crea queste falle incredibili. I genitori che lavorano non sanno come far fronte alla richiesta di tenere i figli a casa, senza contare il disagio psicologico dei ragazzi .
L’istituto Salvemini ha tanti progetti importanti per i ragazzi con disabilità e genitori e dirigenti lottano insieme  perché la situazine si risolve velocemtne

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password