Due italiani rapiti in Libia: per la Farnesina è una fase delicata

Rapiti due tecnici italiani e un canadese ieri sera a Ghat nel sud della Libia

pubblicato il 20/09/2016 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli
Libia estremisti

 Bruno Cacace, 56enne residente a Borgo San Dalmazzo (Cuneo), che vive in Libia da 15 anni, e Danilo Calonego, 66enne della provincia di Belluno sono stati rapiti ieri tra le sette e le otto di sera in Libia al confine con l’Algeria. Con loro è stato rapito anche un cittadino canadese.

I tre uomini  lavorano per l’azienda Con.I.Cos, società di Mondovì (Cuneo) addetta alla manutenzione  dell'aeroporto di Ghat, città sotto il  governo di unità nazionale di Tripoli, che ha sede a Tripoli e filiali a Derna, Bengasi.  Nessun gruppo al momento ha rivendicato il sequestro fa sapere la Farnesina che sta assiduamente seguendo la vicenda in estrema riservatezza data la fase molto delicata.  L’ipotesi più probabile è il rapimento per ottenere un riscatto dalla Con.I.Cos  che da anniha molti appalti in Libia  per opere di ingegneria civile e ha la sua sede centrale a Tripoli,

I tre tecnici erano in auto quando degli uomini armati hanno sparato e li hanno fatti scendere. L’autista che li accompagnava è stato trovato con le mani legate nel deserto. L’uomo ha poi raccontato nei dettagli il rapimento alle autorità. Indaga sull’accaduto la  procura di Roma

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password