'Ladro' di profilo Facebook condannato in Tribunale: la sentenza destinata a fare da 'apripista'

Indagini della Polizia Postale dopo la denuncia della vittima del 'furto di identità'

pubblicato il 23/10/2013 in Attualità da a cura della redazione
Condividi su:
a cura della redazione

Introdursi o trattenersi sulla bacheca Facebook di un'altra persona senza autorizzazione o addirittura spacciandosi per il titolare della bacheca è un reato equiparato dal codice penale alla violazione di domicilio.

Ne sa qualcosa S.P., 44 anni, di Cagliari. L'uomo è stato condannato dal giudice del Tribunale di Vasto, Michelina Iannetta, a 8 mesi di reclusione per accesso abusivo al sistema informatico di un'altra persona e al risarcimento danni del titolare della bacheca. La singolare sentenza è destinata a fare da apripista. La Polizia Postale conferma infatti che il furto d'identità o l'uso improprio delle bacheche su Facebook sta diventando un problema molto diffuso. 

CONTINUA su... www.histonium.net

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password