Puglia: grave incidente tra due treni, precipitoso il bilancio dei morti

L'impatto ha provocato almeno 12 morti e 34 feriti ma il bilancio è destinato ad aumentare

pubblicato il 12/07/2016 in Attualità da Lucia Di Candilo
Condividi su:
Lucia Di Candilo

Poco più di un'ora fa in un drammatico incidente ferroviario in Puglia hanno perso la vita circa 20 persone.

Il bilancio è molto approssimativo: "Ci sono 20 vittime e quattro feriti in codice 4. La situazione è in evoluzione". Lo ha detto ai giornalisti il vicepresidente della Provincia Bat, Giuseppe Corrado. "Abbiamo bisogno - ha aggiunto - di sangue di gruppo zero negli ospedali di Andria e Barletta".

Ufficialmente, lo scontro frontale tra Andria e Corato avvenuto fra due treni di linea della Bari Nord, avrebbe provocato 12 morti e 34 feriti. Purtroppo, però, il bilancio potrebbe aggravarsi: oltre ai feriti in ospedale ci sono numerose persone incastrate tra le lamiere.

L'impatto frontale, avvenuto all'inizio di una curva su binario unico, è avvenuto in aperta campagna. Uno dei due convogli era partito da Corato ed era diretto ad Andria e l'altro, viceversa, proveniva da Andria e andava in direzione Corato.

"La situazione è drammatica e sul numero dei morti siamo in grosso difetto" - dice all'ANSA il vicepresidente della Regione Puglia con delega alla Protezione civile, Antonio Nunziante. Intanto iniziano ad arrivare numerosi familiari dei passeggeri che spaventati ed increduli cercano il proprio caro.

La zona è sorvolata da numerosi elicotteri e sul posto è stato allestito un campo per i soccorsi sanitari, nel frattempo alcuni volontari stanno distribuendo dell'acqua. "E' una scena surreale, - racconta chi è sul posto - una scena spaventosa, allucinante", dice un agente di polizia, con la divisa impolverata e i guanti sulle mani impegnato a scavare tra i detriti. Tra i testimoni giunti per primi c'è qualcuno che racconta le scene raccapriccianti: "Ho visto persone morte, altre che chiedevano aiuto, persone che piangevano. La scena più brutta della mia vita".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password