Istat: sale leggermente il tasso di disoccupazione a dicembre

Su scala annuale invece il trend sale con +109mila occupati

pubblicato il 02/02/2016 in Attualità da Danilo Di Laudo
Condividi su:
Danilo Di Laudo

Torna a salire il tasso di disoccupazione nell’ultimo mese del 2015 acquisendo un +0.1% rispetto a novembre e attestandosi, così al 11,4%. I dati sono fruibili direttamente dal sito Istat dove si apprezza contestualmente, un calo pari allo 0.9% rispetto allo stesso periodo del 2014.

Sono dunque quasi tre milioni le persone in cerca di occupazione con un aumento di quasi ventimila unità nel mese di novembre – 18mila per l’esattezza, pari ad un +0,6%, in calo però, di nuovo rispetto al 2014, di 254mila unità (-8,1%).

Di contro cala il tasso di disoccupazione giovanile a dicembre che arriva sino al 37,9% diminuendo di uno 0,1% rispetto al mese precedente e di 3,3 percentuali rispetto allo stesso periodo del 2014. L’occupazione si attesta dunque, per questa fascia di età, ad un 16,1%.

Passando ad esaminare la fascia di età compresa tra i 25 e i 34 anni l’occupazione si attesta sul 17,1% con un aumento, anche in questo caso, di un +0,1% rispetto novembre 2015. In questo caso il tasso di occupazione è arrivato al 59,7%.

Nota di merito è il fatto che il tasso di disoccupazione giovanile sia il più basso degli ultimi tre anni visto che bisogna tornare indietro fino al 2012 per trovare un livello inferiore e resta superiore al periodo antecedente alla crisi quando il tasso di occupazione giovanile era del 22,2%.

OCCUPATI DI DICEMBRE – Meno 21mila gli occupati a dicembre ma su scala annua si assiste ad un +109mila con un tasso di occupazione, secondo l’Istat, invariato rispetto al mese di novembre.

LA SITUAZIONE IN EUROPA – Anche su scala comunitaria la disoccupazione ha avuto una flessione toccando quota 10,4% nell’ultimo mese del 2015. Sempre analizzando i dati Eurostat si nota come, in termini assoluti relativi all’intera Eurozona, siano 16,75 milioni coloro che erano alla ricerca di un impiego. Contestualmente migliora il dato di disoccupazione giovanile pari al 22,0% con un punto in meno rispetto allo stesso mese del 2014

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password