"Paolo Logli, 360° di poliedricità ...e il suo ultimo libro: Dura pioggia cadrà. L'ultima storia di Avalon!"

"Torna il druido di Merlino, grazie alla firma di uno spezzino"

pubblicato il 25/09/2014 in Arte e Cultura da concita occhipinti
Condividi su:
concita occhipinti

Provocatorio, abile autore, irresistibile scrittore... Parliamo di Paolo Logli, lo spezzino 110 e lode ricordate? L'avevamo intervistato nel giugno scorso ... oggi lusingati perchè lo scopriamo in un'altra fatica letteraria. Stavolta Logli abbraccia una tematica "sensibile", un arteficio, un'alchimia letteraria... e ci riesce, come sempre, cattura il lettore, lo intrappola mentalmente e quasi lo costringe a rimanere inerto...tra le pagine di questo romanzo che "dicono" sia..un'invenzione letteraria... Ma sarà davvero un'invenzione? Chi è Paolo Logli? Paolo Logli nasce a La Spezia il 26 Maggio 1960, ma vive a Roma da quasi 30 anni. Sperimentata la sua pochezza come chitarrista rock, si è riciclato come sceneggiatore, autore televisivo e teatrale, firmando decine di titoli per la tv, dalle soap operas alle miniserie (tra i suoi lavori il Commissario Manara, Il bambino della domenica, L’uomo che cavalcava nel buio, Cuori rubati, Grandi domani, Diritto di Difesa, Il signore della truffa). La sua attività continua a ondeggiare tra il teatro di parola (è stato il primo autore italiano rappresentato a Montecitorio negli ultimi 20 anni con “Quell’enorme lapide bianca”), il cinema commerciale, come “Natale a Beverly Hills” e “Natale in Sudafrica” e il cinema d’autore come il film di Davide Marengo "Breve storia di lunghi tradimenti"... continua a leggere...

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password