Graziano Guiso, il MastroGeppetto di Pinocchio su tela

pubblicato il 22/11/2020 in Arte e Cultura da Franca Nocera
Condividi su:
Franca Nocera

Un po’ per scelta e un po’ per lavoro  il mio essere errante fa tappa in Toscana, una Regione meravigliosa che non ha nulla da invidiare all’Abruzzo  che ho nel cuore, e viceversa . Ho incontrato, nel mio cammino,  Barbara  con la quale condivido una settimana intensa di lavoro e conversando,  tra una pausa e l’altra, sono venuta a conoscenza di un pittore toscano, di Grosseto e delle sue opere: Graziano Guiso , suo zio.

Incontrare l’artista non è possibile visto il momento in cui versiamo e tanto meno visitare la sua mostra, a Collodi, in quanto il ‘regime’ pandemico lo vieta. Ho chiesto del materiale e attraverso il Catalogo gentilmente prestato da Barbara, ho scoperto Graziano Guiso, l’artista che parla di amore, di percorsi di vita da affrontare, di difficoltà da superare, che ci porta a riflettere sulla presenza del bene e del male in questa vita che per quanto bella sia, mette lo sgambetto, ci fa cadere, ci fa soffrire, ma che ci permette, se lo vogliamo, di rialzarci, di tornare a correre, di sorridere.

Graziano Guiso, pittore figurativo, di stampo accademico, ha esposto in molte città italiane e straniere ottenendo notevoli riconoscimenti di pubblico e di critica. La sua peculiarità è la tecnica che gli permette di creare opere riconoscibili, personali, individuabili. Una base fatta a mano….strati di carta (vecchi filtri usati per il vino) che sovrapposti e spezzati casualmente e con superficie ruvida, gli hanno permesso di creare effetti cromatici e contrasti di luce intriganti ed essenziali, delineando il profilo, la profondità del disegno con effetto marmoreo.  Molti i suoi lavori che hanno preso vita con questa tecnica, soprattutto il ciclo di lavori dedicati alla favola di Pinocchio dove è riuscito a creare nuovi stimoli, atmosfere oniriche legate al personaggio di Carlo Collodi.

“Pinocchio ha gli occhi verdi” è il titolo della mostra che  Graziano Guiso  aveva allestito nel Complesso Collodiano, il Parco dedicato alle Avventure di Pinocchio ed ora chiuso. Una mostra dedicata alla moglie Daniela che ha, appunto, gli occhi verdi e che lo ha sempre sostenuto ed incoraggiato. Una mostra con 23 opere  che rappresentano  una vera e propria dichiarazione d’amore a Daniela. Opere che emanano una pacata magìa, dipinti che raffigurano  sogni, realtà oniriche ma restano fedeli alla narrazione. Colori pastellati nelle profondità d’animo ed un unico filo conduttore: la vita e tutte le sue sfaccettature. Graziano Guiso l’artista di una sensibilità trascendentale!

Alcune sue esposizioni:

1991 Montecatini Terme A.P.T. – Diciotto artisti in Valdinievole;  1999 Venezia – Galleria Percorsi d’Arte 90; 2003 Torino – Galleria Calandra; 2005 Parigi – Villa Beaumarchais; Berlino – Sede storica dell’Ambasciata d’Italia; 2010 Pisa – Royal Victoria Hotel; 2012 Viareggio – Villa Paolina Bonaparte; 2018 Viareggio -  Villa Argentina “Arti alternative, nell’alternarsi del Tempo”; 2020 Collodi – Museo del Parco di Pinocchio.

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password