Recensione. "Don Bastiano Brigante in scena al Teatro Marconi di Roma fino al 1 marzo"

pubblicato il 28/02/2020 in Arte e Cultura da Emanuele Gulino
Condividi su:
Emanuele Gulino

Se qualcuno ha voglia di evadere un po' dalla realtà che ci circonda senza allontanarsi da Roma e dalla Romanità, può recarsi al Teatro Marconi e assistere a uno spettacolo unico nel suo genere.

Don Bastiano Brigante è una commedia musicale esilarante ambientata nel 1800 romanesco, una trama accattivante e divertente che permette di catapultarsi col pensiero all'epoca dei nostri antenati, quando l'Italia stava per nascere ma le piccole comunità erano già sorte.

La regia è affidata a Claudio Fabi che ne è anche autore e interprete. Con Don Bastiano Brigante si vede l'investitura dell'abito talare in maniera del tutto informale (siamo nell'epoca della fame e del brigantaggio carbonaro) e il suddetto "Don" Bastiano all'inizio è restio a questa investitura quasi surreale, ma dopo aver scoperto che tutto quello che fino a quel momento aveva creduto sulla sua vita e sul suo passato era tutta una montatura, accetta di buon grado quel "dono del Signore" e indossa la tonaca di prete parrocchiale ma interpretando i passi del Vangelo secondo una propria logica personale.

Riesce a risanare una comunità contadina abbandonata e a ricostruire il soffitto della chiesa affidatagli grazie al sostegno, non spontaneo, di tutti i futuri parrocchiani che gli capitano a tiro.

Le risate e il buon umore sono inevitabili e con le canzoni in dialetto romanesco che fungono da intermezzi piacevoli durante i due atti dell'intera commedia, fanno in modo che gli amanti del genere escano dal teatro con un pensiero allegro per ciò che siamo stati e che probabilmente sempre saremo: persone per bene che quando si è alle strette, sono pronte ad aiutarsi  l'un l'altro.

Una menzione particolare va alla cura dettagliata e spiritosa rivolta alle scenografie presenti in scena e curate da Giuseppe Baglioni, Salvatore Belardo e Paola Scipioni.

Musica e testi sono di Sandro Scapicchio.

Don Bastiano Brigante è in scena al Teatro Marconi di Roma dal 27 febbraio al 1 marzo

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password