La vera morte di Gesù

Appuntamento settimanale con Alessandro De Angelis autore del volume "Cristo il romano"

pubblicato il 19/05/2016 in Arte e Cultura da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Dott. De Angelis siamo arrivati ad un momento cruciale di questo percorso, ossia quale e quando è stata secondo lei  di morte di Gesù , seguendo le tracce di Maria moglie di Erode

Certo, una volta individuato in Gesù Boeto il Gesù dei vangeli, ho scoperto che nel 63 sposò Marta, sorella di sua madre Maria, che donò al re Agrippa II ben 72 talenti d'oro per farlo diventare sommo sacerdote. Una cifra enorme per quel tempo, ma era la donna più ricca di Gerusalemme. Non dobbiamo stupirci del fatto che si facevano matrimoni tra parenti, era la norma in quel periodo, anche Giuseppe era nipote di Maria, nato dall'unione di Alessandro Heli ed Ottavia, ed Alessandro Heli e Maria erano fratellastri nati dalla stessa madre, la regina Cleopatra. Abbiamo trovato documenti dove si parla del fatto che i legionari furono corrotti e quindi liberarono Gesù dalla croce ancora in vita. Inoltre i condannati non venivano inchiodati ma legati al palo ed è lo stesso Paolo di Tarso a dirci che Gesù fu appeso al palo. Poi, sempre seguendo la storia di Gesù Boeto ho scoperto che morì nel 68 d.C.

Quanti anni aveva quando morì?

Morì alla veneranda età di 75 anni, difatti la sua data di nascita è il 7 a.C., data ricavata incrociando i racconti di G. Flavio e dei vangeli, anche la sua morte è narrata dallo storiografo G. Flavio e oltre a narrarci i motivi per cui fu ucciso menziona anche un lunghissimo discorso di Gesù prima di essere assassinato dagli Idumei.

Fu ucciso, per quale motivo?

Per colpa di un procuratore romano, Gessio Floro, che ne combinò di tutti i colori contro il popolo ebraico. Gesù inviò anche i suoi due figli Saul, alias Paolo di Tarso e Costobar in Grecia, da suo cugino Nerone, per fargli sapere che la rivolta che stava avvenendo a Gerusalemme era da addebitarsi a Floro. Cercò quindi di fermare la rivolta facendo un lungo discorso agli Idumei ma non ci fu nulla da fare. Essi pensarono che si era venduto a Roma e lo uccisero. Questo il racconto di G. Flavio sulla morte di Gesù in Guerra Giudaica: Perciò Gesù, il più anziano dei sommi sacerdoti dopo Anano, montò sulla torre che fronteggiava gli Idumei e si rivolse a loro dicendo che fra i molti e svariati mali che opprimevano la città nessuno l'aveva tanto colpito quanto i voleri della fortuna per cui anche gli eventi più inaspettati favorivano i piani dei farabutti.  “A sostenere contro di noi degli individui perversi voi vi siete precipitati con un ardore che non si sarebbe capito nemmeno se la metropoli avesse invocato il vostro aiuto a difesa dai barbari.  Se io vedessi nelle vostre file gente simile a quella che vi ha chiamato...

Dal discorso di Gesù, che occupa ben tre pagine del libro Cristo il Romano, emerge la figura di un  uomo buono e giusto, sacerdote e politico con abili capacità oratorie, che sacrificò la sua vita per il popolo di Gerusalemme. Per la prima volta, a distanza di 2000 anni, riemergono le vere parole di Gesù.

Non ci sarebbe quindi  nessuna analogia tra la morte di Gesù, come ci viene raccontata dai vangeli e quella narrata da G. Flavio.

Invece sì, l'evangelista Matteo descrive ben tre eventi che avvennero quando Gesù morì nel 68 d.C., retrodatandoli al 33 d.C., e questa è stata la conferma ulteriore e definitiva che avevamo ricomposto tutti i tasselli del mosaico. Sentite cosa scrive G. Flavio poco prima che Gesù morisse assassinato dagli idumei:

"Durante la notte scoppiò un violento temporale con venti impetuosi, piogge torrenziali, un terrificante susseguirsi di fulmini e tuoni e spaventosi boati di terremoto. Sembrava la rovina dell'universo per la distruzione del genere umano, e vi si potevano riconoscere i segni di un'immane catastrofe." Ed ecco come l'evangelista Matteo ha retrodatato il terremoto di cui parla G. Flavio nei vangeli nell'inventata morte per crocifissione di Gesù.

"E Gesù, emesso un alto grido, spirò. Ed ecco il velo del tempio si squarciò in due da cima a fondo, la terra si scosse, le rocce si spezzarono, i sepolcri si aprirono e molti corpi di santi morti risuscitarono. E uscendo dai sepolcri, dopo la sua risurrezione, entrarono nella città santa e apparvero a molti. Il centurione e quelli che con lui facevano la guardia a Gesù, sentito il terremoto e visto quel che succedeva, furono presi da grande timore e dicevano: «Davvero costui era Figlio di dio!» .

Non è finita in quanto poche righe aver parlato della morte di Gesù, G. Flavio parla della morte di un uomo facoltoso, Zaccaria, ucciso dai rivoluzionari. Matteo nel suo vangelo fa parlare Gesù della morte di Zaccaria avvenuta ben 35 anni dopo, inoltre dopo la rivolta ci fu la distruzione del tempio di Gerusalemme e della città, ovvero l'abominio della desolazione: anche in questo caso Matteo fa parlare dell'abominio della desolazione a Gesù, durante il suo ministero. In questi passi possiamo invece vedere come Giuseppe Flavio descrive la morte di Gesù e di Anania: "A lui si affiancava degnamente Gesù, inferiore rispetto ad Anano, ma superiore agli altri. Debbo ritenere che dio, avendo condannato alla distruzione la città contaminata e volendo purificare col fuoco i luoghi santi, eliminò coloro che vi erano attaccati con tanto amore. E quelli che poco prima, avvolti nei sacri paramenti, avevano presieduto a cerimonie di culto di portata universale ed erano stati oggetto di venerazione da gente venuta nella città da ogni paese, era dato ora di vederli gettati ignudi in pasto ai cani e alle fiere. Su uomini siffatti io credo che la stessa virtù abbia lacrimato, lamentando di esser stata così calpestata dalla malvagità: tale fu la fine di Anano e di Gesù ."

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password