Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Marcello Serra e il suo "mal di Sardegna" nel ricordo del Gremio a Roma

A 25 anni dalla sua scomparsa il riconoscimento nella giornata del popolo sardo

Redazione
Condividi su:

Il Gremio, la storica Associazione dei Sardi di Roma, ha dedicato “Sa Die de sa Sardigna – 2016” (la giornata del popolo sardo) all’indimenticabile ed importante figura di Marcello Serra (Lanusei 17-6-1913 – Cagliari 24-8-1991), poeta, giornalista, scrittore, saggista, autore teatrale e del famosissimo libro “Sardegna quasi un Continente”.


Nell’accogliente e strapiena sala Italia/Unar, oltre 100 soci e amici del Gremio  hanno potuto, in apertura dell’incontro, assistere alla proiezione della quarta ed ultima puntata del documentario RAI “Sardegna quasi un Continente”, realizzato, a cura dello stesso autore, nel 1961, accompagnato dal commento musicale di Ennio Porrino.

L’evento è stato fortemente voluto dal Gremio, ritenendo che la Sardegna stia colpevolmente dimenticando questo suo degnissimo e valoroso figlio, che ha dedicato alla sua Isola il meglio della sua produzione poetica, teatrale, e artistica, contribuendo in maniera determinante, come lo fece decenni prima Grazia Deledda con i suoi romanzi, alla diffusione in Italia e nel Mondo della storia, della geografia  e della cultura della Sardegna.

Il suo libro “Sardegna quasi un Continente”, tradotto in 32 lingue e le sue splendide poesie d’amore per l’Isola, e le favole liriche sull’origine di Kadossène, o Ichnusa o Sandalia (impronta di Dio) diventate emblematiche e proverbiali, hanno indotto milioni di “italiani continentali” e stranieri a conoscere, apprezzare e visitare la Sardegna. E hanno “costretto” i suoi Sardi, anche quelli recalcitranti (non mancano mai!) a fare i conti con la propria storia e identità...Continua a leggere...

Condividi su:

Seguici su Facebook