5 medaglie per l'Italia agli Invictus Games di Londra

conclusi i primi giochi paralimpici militari internazionali

pubblicato il 15/09/2014 in Sport da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Un medagliere di tutto rispetto con due ori, due argenti e un bronzo per gli atleti militari italiani agli appena terminati Invictus Games 2014, una grande prova che mette orgoglio nel paese per la vittoria e l'impegno dei nostri connazionali.

Anche nell'ultima giornata dei giochi militari, dedicata al nuoto, gli azzurri si sono distinti: il Ten. Colonnello Marco Iannuzzi ha conquistato l'argento nei 50 metri in stile libero e sempre per la disciplina acquatica è arrivato il bronzo del Maggiore Pasquale Barriera nei 50 metri, insieme al quarto posto del Maresciallo Giovanni Dati nei 100 metri stile libero.

Due giorni fa era stata la volta dell'Appuntato Loreto di Loreto, che ha ottenuto l'argento nel rowing indoor, il canottaggio al coperto, con un meritato secondo posto, che si và ad ad aggiungere ai successi italiani del caporale Domenico Russo, con l'oro nei 100 metri piani di atletica, del Ten.Colonnello Fabio Tomasulo, oro nel tiro con l'arco, e delle altre due medaglie nel nuoto per gli Invictus Games 2014.

Soddisfazione e morale altissimo per tutto il team italiano, mentre plauso e congratulazioni sono stati espressi anche dal sottosegretario alla Difesta Angelino Alfano, che ha diffuso una nota per elogiare gli atleti militari italiani e il loro impegno, che presto incontrerà di persona per congratularsi.

Oggi la squadra nazionale rientra in Italia, mentre il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, ha già voluto esprimere ringraziamenti nei loro confronti: Un grandissimo risultato per cui, con orgoglio, esprimo grande soddisfazione  - le parole del Capo di Stato Maggiore - un team nato da poco ma che però saputo confrontarsi con le selezioni nazionali di altri 12 Stati, nelle discipline adattive dell'atletica, del rugby, del nuoto, tiro con l'arco, canottaggio conseguendo oltre alle medaglie anche ottime prestazioni individuali e di squadra. Ma la mia soddisfazione è l’aver colto la passione per lo sport, per la vita militare e per la vita più in generale. Bravi Ragazzi.

Grandi risultati per un grande impegno, teso a sottolineare importanti valori sportivi e un diritto alla normalità, senza pregiudizi e barriere architettoniche, per tutti i disabili, un grazie profondo a questi nostri grandi atleti.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password