Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Tennis: Roger Federer annuncia il ritiro

Il campione svizzero, all'età di 41 anni, ha deciso di dire basta: "La Rod Laver Cup sarà la mia ultima gara"

Condividi su:

Roger Federer, fuoriclasse svizzero del tennis, ha deciso di ritirarsi all'età di 41 anni. A dirlo è stato lui stesso con un post su Instagram. La Rod Laver Cup sarà la sua ultima gara. Considerato uno dei migliori tennisti della storia, in carriera Roger Federer ha vinto numerosi trofei: 6 Australia Open, 1 Roland Garros, 8 trofei di Wimbledon e 5 US Open; 103 titoli di cui 1251 vittorie e 275 sconfitte.

Queste le parole del tennista svizzero attraverso un video pubblicato sul proprio account Instagram: “Di tutti i regali che mi ha fatto il tennis, il più grande è l'amore della gente e le persone che ho avuto la fortuna di conoscere lungo tutta la strada - le parole di re Roger -. Per questo voglio condividere con voi questa notizia: la Laver Cup sarà il mio ultimo torneo. So che mi mancherà tutto degli ultimi 24 anni, ma negli ultimi 3 anni ho avuto tanti problemi, e infortuni. Il tennis mi ha trattato in modo più generoso di quanto avrei mai immaginato e ora devo riconoscere quando è il momento di terminare la mia carriera agonistica. Vorrei anche ringraziare i miei avversari in campo. Sono stato abbastanza fortunato per giocare così tante partite epiche che non dimenticherò mai. Ci siamo spinti a vicenda e insieme abbiamo portato il tennis a nuovi livelli. Soprattutto devo rivolgere un ringraziamento speciale ai miei incredibili fan. Non saprete mai quanta forza e convinzione mi avete dato.

La sensazione stimolante di entrare in stadi pieni e arene è stata una delle grandi emozioni della mia vita. Senza di voi, quei successi si sarebbero sentiti soli, piuttosto che pieni di gioia ed energia. Mentre a volte sembra che sia passato in 24 ore, è stato anche così profondo e magico che sembra di aver già vissuto una vita intera. Ho avuto l'immensa fortuna di giocare davanti a voi su oltre 40 paesi diversi. Ho riso e pianto, ho provato gioia e dolore, ma soprattutto mi sono sentito incredibilmente vivo. Attraverso i miei viaggi, ho incontrato molte persone meravigliose che rimarranno amici per tutta la vita, che hanno costantemente preso tempo dai loro impegni per venire a guardare gioco e tifo per me in tutto il mondo. Grazie. Quando è iniziata la mia passione per il tennis, ero un ragazzo. 

Osservavo i giocatori con un senso di meraviglia. Essi erano come dei giganti per me e ho cominciato a sognare. I miei sogni mi hanno portato a lavorare di più e ho iniziato a credere in me stesso. Un po' di successo mi ha dato fiducia ed ero sulla buona strada per il più incredibile viaggio che ha portato a questo giorno. Quindi, voglio ringraziarvi tutti dal profondo del mio cuore, a tutti in tutto il mondo che hanno contribuito a realizzare i sogni di un giovane svizzero diventato realtà. Infine, un grazie al gioco del tennis: ti amo e non ti lascerò mai".

 

Condividi su:

Seguici su Facebook