MotoGP | GP Algarve 2021: analisi qualifiche 

Ducati al top, Bagnaia in pole davanti a Miller. Mir terzo precede le Pramac. Solo settimo Quartararo, Rossi scatterà sedicesimo 

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 06/11/2021 in Sport da Dennis Ciracì
Condividi su:
Dennis Ciracì
Francesco Bagnaia alla quinta pole consecutiva (foto: Ducati Corse Twitter)

Francesco Bagnaia ha ottenuto la miglior prestazione al termine delle qualifiche che si sono svolte oggi pomeriggio presso l'Autodromo Internacional do Algarve, sede del diciassettesimo appuntamento iridato dell'annata in corso. Il pilota della Ducati ufficiale ha colto la quinta pole consecutiva dopo quelle di Aragon, San Marino, Americhe e Emilia Romagna. Il ducatista ha fermato il cronometro sull'1:38.720 facendo registrare il nuovo record del tracciato lusitano. Il campione Moto2 2018 ha dato seguito alle ottime performance mostrate nel corso delle prove libere di ieri, nelle quali è sempre stato nelle posizioni alte della classifica. Il piemontese si sta dimostrando il pilota da battere al momento sul giro veloce, dato che ogni qual volta il momento è deciso, lui risponde presenti con giri fenomenali senza la alcuna minima sbavatura. Tanto quanto la performance di Pecco, è da elogiare in egual misura la competitività della Desmosedici GP-21. La moto della Casa di Borgo Panigale è al momento la più veloce in qualifica, come testimoniato dalla seconda posizione di Miller e dalle Pramac alle spalle di Mir, terzo. L'australiano scatterà nuovamente dalla prima fila e sia lui sia la scuderia si augurano di poter concretizzare il risultato odierno in un piazzamento quanto meno a podio nella gara di domani. Nella seconda metà di stagione, il ducatista è stato protagonista di qualche caduta di troppo che ne ha tarpato le ali in termini di risultati. Al ventiseienne di Canberra il successo di tappa manca dal gran premio della Francia, il secondo consecutivo dopo quello di Jerez. Nel confronto diretto con il suo compagno di box in qualifica la differenza è netta: sei pole per Bagnaia, zero per Jack. Nonostante questa differenza, spesso Miller si è trovato comunque a partire davanti in griglia di partenza ma ha pagato alla domenica la sua incostanza di rendimento. Miglior risultato stagionale al sabato per il campione del mondo MotoGP 2020, terzo a meno di due decimi dalla miglior prestazione. Allo spagnolo della Suzuki è mancato un nulla per ottenere la pole, ma all'ultimo tentativo disponibile il suo giro è stato rovinato da Alex Marquez. Il pilota della Honda LCR ha attaccato all'interno dell curva 1 il suo connazionale per prendersi la posizione in modo inspiegabile dato che ha penalizzato anche se stesso avendo perso tempo in quel frangente. Buona prova da parte della scuderia satellite della Casa di Borgo Panigale, dato che Martin ha chiuso quarto precedendo il compagno di squadra Zarco. La prima delle Honda è quella di Pol Espargaro, sesto. Il trentenne di Granollers sembra che abbia trovato la quadratura del cerchio in sella alla RC213V, dato che dopo il podio di Misano è apparso competitivo anche sul tracciato portoghese. Solo settimo il neo campione del mondo Quartararo, che non è riuscito a massimizzare la performance della Yamaha a causa di un assetto non ottimale della M1. Il cambio di set-up nelle prove libere 4 non ha giovato alla moto, anzi il transalpino non si è sentito propriamente a suo agio in ciascuno dei quattro settori del tracciato lusitano chiudendo distante dal crono della pole position. Il transalpino ha preceduto Marquez e la moto gemella di Morbidelli, rispettivamente ottavo e nono. Ottima prova di Lecuona, decimo e il migliore delle KTM. Lo spagnolo, alla penultima gara nel Motomondiale, è riuscito a passare il taglio della qualifica uno cogliendo un piazzamento nei primi dieci. Rins, undicesimo, e Marini, dodicesimo, hanno completato la classifica dei qualificati al Q2. 
La prima sessione delle qualifiche è stata molto combattuta sino al calare della bandiera a scacchi che ne ha sancito la conclusione. Il primo degli esclusi è stato Bastianini. Il debuttante della Ducati Avintia Esponsorama scatterà dalla tredicesima posizione in griglia di partenza. Il ducatista era riuscito ad agguantare la seconda posizione ma è stato scalzato proprio sul finire del turno da Zarco. Nell'ultimo tentativo disponibile, il pilota italiano è andato lungo alla curva 1 vanificando la possibilità di provare a migliorare un giro comunque perfetto. Un po' a sorpresa, solamente quattordicesimo tempo per Aleix Espargaro. Il pilota dell'Aprilia ha mancato l'accesso al Q2 nonostante la moto della Casa di Noale si fosse mostrata abbastanza competitiva nelle libere di ieri. Il trentaduenne di Granollers ha preceduto gli italiani Petrucci e Rossi, rispettivamente quindicesimo e sedicesimo. Il pilota della KTM Tech3 ha accusato un distacco di oltre tre decimi dal compagno di box, che con la moto gemella è riuscito a superare il taglio della prima fase. Per il nove volte campione del mondo della Petronas Yamaha SRT si è trattata di una delle migliori qualifiche nelle ultime gare e si augura di replicare la rimonta dell'ultima gara di Misano per concludere nuovamente tra i primi dieci. Qualifica da dimenticare per la KTM Factory Team che, oltre al fatto di essere stata battuta dal team satellite, ha visto i propri piloti chiudere in diciassettesima e diciannovesima posizioni rispettivamente con Oliveira e Binder. Il sudafricano è stato protagonista di una caduta alla curva 3, a causa della chiusura dello sterzo all'avantreno, e ha concluso anzitempo la sessioni. Tra i due piloti del costruttore austriaco si è classificato Viñales, 19° con l'Aprilia. Ventesimo Bradl, che sostituisce in sella alla Honda ufficiale l'infortunato Marc Marquez, che si è messo alle spalle Nakagami e Dovizioso, penultimo e ultimo in fondo allo schieramento.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password