F1 | GP Gran Bretagna 2021, Pirelli: a Silverstone debutteranno le nuove gomme posteriori

Per la tappa britannica, il costruttore milanese porterà una nuova tipologia di pneumatici al retrotreno e le mescole più dure della gamma

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 15/07/2021 in Sport da Dennis Ciracì
Condividi su:
Dennis Ciracì
Anteprima Pirelli per la tappa di Silverstone (foto: Pirelli Motorsport Twitter)

Il fine settimana inglese, che prenderà il via domani pomeriggio con la prima sessione di prove libere alle ore 15:30, sarà caratterizzato da un nuovo format che vedrà protagonista la Sprint Qualifying. Si tratterà di una gara breve da 100 chilometri (17 giri) che si disputerà sabato pomeriggio dalle 17:30 alle 18, il cui risultato finale determinerà la griglia di partenza per la gara tradizionale di domenica. Le mescole nominate per questo fine settimana sono le medesime del gran premio della Gran Bretagna della passata stagione: C1 (hard), C2 (medium), C3 (soft). Le mescole più dure della gamma sono state scelte in relazione alle caratteristiche tecniche del circuito inglese, una pista che esercita grandi carichi sulle coperture date le curve in appoggio nell’ordine dei 5/6 G di forza laterale.

PERCHE’ SONO STATE NOMINATE QUESTE SPECIFICHE:
- Le allocazioni sono diverse nei fine settimana che prevedono la Sprint Qualifying (Siverstone, Monza e Interlagos), con dodici set di mescole slick anziché tredici: due treni di hard, quattro di medium e sei di soft. In più, sono a disposizione fino a sei set di Cinturato Green intermediate e tre di Cinturato Blue full wet, in caso di bagnato.
- Nelle qualifiche del venerdì, potrà essere utilizzata solo la mescola morbida, ma non ci sarà l’obbligo per i primi dieci di iniziare la gara della domenica con i pneumatici montati per ottenere il miglior crono nel Q2. Nella Sprint Qualifying del sabato, i piloti potranno scegliere liberamente i pneumatici da utilizzare e non saranno obbligati ad effettuare la sosta ai box. Il regolamento relativo all’utilizzo delle coperture per la domenica resta invariato, ad eccezione del fatto che ogni pilota potrà decidere con quale specifica prendere il via delle corsa.
- La nuova costruzione degli pneumatici al retrotreno che è stata testata dalle scuderie durante le prove libere che si sono disputate nell’ultimo gran premio in Austria al Red Bull Ring e farà il suo debutto in gara a Silverstone. Questi pneumatici posteriori, che sono costituiti da una struttura più robusta a parità di peso e che sono caratterizzati da alcuni elementi tecnici che saranno presenti sulle gomme da 18 pollici a partire dalla prossima stagione, saranno utilizzati a partire da questo gran premio e fino al termine della stagione in corso.

CARATTERISTICHE TRACCIATO:
- Silverstone è famosa per essere una pista dall’alta media orari sul giro e dalle curve veloci in successione. In particolar modo, le curve Maggotts e Becketts esercitano una notevole accelerazione laterale sui pneumatici, che può raggiungere un picco di 5 G.
- Il vincitore del gran premio di Gran Bretagna della passata annata aveva optato per una strategia a una sosta medium-hard: la stessa scelta fatta da tutti i primi tre classificati (anche se Max Verstappen, secondo, ha fatto una sosta tardiva per montare le soft e ottenere il punto extra per il miglior tempo sul giro). La tabella sottostante classifica in una scala da 1 a 5 i sette parametri di riferimento del tracciato.

TRAZIONE 3
FRENATA 2
STRESS LATERALE 5
STRESS PNEUMATICI 5
GRIP ASFALTO 3
ABRASIONE ASFALTO 3
DEPORTANZA 4

ANTEPRIMA FORMULA 2:
Il quarto round del campionato di Formula 2 avrà luogo al Silverstone Circuit utilizzando mescole medie e dure: è la prima volta che questa combinazione, la più dura della gamma, viene nominata nell’arco di questa stagione. La selezione è stata fatta per fronteggiare le sfide che presenta questo tracciato: come al solito, i piloti avranno a disposizione sei set di pneumatici (quattro hard e due medium) nell’arco del fine settimana. Entrambe le mescole sono diverse rispetto all’anno scorso: la media offre prestazioni migliori in confronto a quella del 2020, mentre la hard è più resistente. Se nella Formula 1 è prevista la novità della Sprint Qualifying, non ci sono invece cambiamenti nel programma della Formula 2, per la quale si manterrà il format di tre gare introdotto quest’anno.

L’ANALISI DI MARIO ISOLA (RESPONSABILE F1 E CAR RACING):
Durante il weekend di Silverstone ci saranno un sacco di novità da tenere d’occhio: innanzitutto sarà la prima delle tre gare in cui quest’anno si disputerà una Sprint Qualifying, che modificherà completamente lo svolgimento e il ritmo di tutto il fine settimana e avrà un impatto significativo sull’utilizzo dei pneumatici. Sarà molto interessante vedere in che modo i team interpreteranno le nuove regole cercando di sfruttarle a loro vantaggio. Inoltre, questo weekend introdurremo in gara la nuova costruzione posteriore che è stata testata con successo in Austria e sulla quale abbiamo raccolto feedback positivi. Per quanto riguarda Silverstone, resta una delle sfide più importanti dell’anno dal punto di vista dei pneumatici per via dei suoi curvoni veloci, cosa che rende sempre fondamentale una buona gestione dei pneumatici. Un altro fattore chiave sarà ovviamente il meteo, che in Inghilterra è notoriamente variabile in questo periodo dell’anno”.

TEST PNEUMATICI DA 18 POLLICI PER IL 2022:
Il test delle mescole d’asciutto da 18 pollici per il 2022 è proseguito al Red Bull Ring dopo la seconda tappa austriaca con due giorni di test da parte dell’AlphaTauri: il primo giorno con Pierre Gasly, il secondo con Yuki Tsunoda. Successivamente all’appuntamento di Silverstone, il 20-21 luglio, o protagonisti dei test delle nuove slick 18 pollici saranno le Red Bull, solo nel primo giorno, e Aston Martin e Haas in ambedue le giornate.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password