F1, GP Gran Bretagna 2021: come sarà il nuovo format

In occasione del weekend britannico, verrà sperimentato un nuovo formato del fine settimana che comprenderà la ‘Sprint Qualifying’. Analizziamolo nel dettaglio

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 15/07/2021 in Sport da Dennis Ciracì
Condividi su:
Dennis Ciracì
Debutterà a Silverstone la Sprint Qualifying (foto: Mercedes AMG F1 Twitter)

Questo fine settimana verrà testato un nuovo format del weekend di gara. Venerdì si disputeranno le prove libere 1 dalle ore 15:30 alle 16:30, alle quali seguiranno le qualifiche dalle 19:00 alle 20:00. La classifica finale delle qualifiche determinerà la griglia di partenza per la ‘Sprint Qualifying’, che verrà preceduta dalle prove libere due in programma sabato dalle 13:00 alle 14:00, della durata di cento chilometri che avrà luogo sabato dalle 17:30 alle 18. Il risultato finale determinerà le posizioni di partenza per il gran premio di domenica pomeriggio che scatterà alle ore 16:00.

PROVE LIBERE 1 (venerdì, ore 15:30-16:30):
La prima sessione di prove libere del fine settimana britannico si disputerà in orario pomeridiano e non in mattinata come di consueto. In occasione della tappa inglese, la Pirelli porterà degli pneumatici posteriori che sono già stati testati dalle scuderie nelle sessione di prove libere dell’ultimo gran premio che si è disputato al Red Bull Ring in Austria. La strutture delle nuove gomme al retrotreno è più robusta col medesimo peso e presenta già alcune novità tecniche che si vedranno sulle coperture da 18 pollici a partire dalla prossima stagione. I nuovi pneumatici debutteranno a Silverstone e verranno utilizzati sino al termine della stagione.
Inoltre, il costruttore milanese porterà 12 set di mescole d’asciutto per ciascun pilota invece dei soliti 13. Saranno distribuiti così: due treni di hard, quattro di medium e sei di soft. Saranno disponibili anche sei treni di coperture intermedie e tre full wet.

QUALIFICHE (venerdì, ore 19:00-20:00):
Le qualifiche si svolgeranno venerdì in serata e non nel pomeriggio di sabato come di consuetudine. Il formato sarà il medesimo: il Q1 durerà 18 minuti, il Q2 15 minuti e il Q3 12 minuti. Una volta che le vetture scenderanno in pista scatterà il regime di parco chiuso e le scuderie dovranno obbligatoriamente montare gli pneumatici morbidi sulle proprie vetture. Il risultato finale delle qualifiche determinerà la griglia di partenza della Sprint Qualifying che si svolgerà sabato pomeriggio. Al pilota che otterrà la pole position verrà assegnato il trofeo Pirelli ma la pole non sarà considerata valida a fini statistici. I dieci piloti che accederanno al Q3, non dovranno partire con le gomme utilizzate nel Q2 in nessuna delle due gare.

PROVE LIBERE 2 (sabato, ore 13:00-14:00):
La seconda sessione di prove libere inizierà nel primo pomeriggio del sabato anziché il venerdì pomeriggio come avviene solitamente e sostituirà le prove libere tre, le quali non si disputeranno nell’arco del fine settimana. Se un pilota dovesse subire una penalità in griglia di partenza per la sostituzione di un componente che comporta l’arretramento in griglia, dovrà scontarla nella gara classica e non nella Sprint Qualifying.

SPRINT QUALIFYING (sabato, ore 17:30-18:00):
In base alle posizione ottenute in qualifica, le vetture si schiereranno in griglia di partenza per prendere il via alle ore 17:30. La gara durerà 17 giri, il che corrisponde a circa 100 chilometri di distanza, e dovrebbe durare circa mezz’ora. I piloti potranno scegliere liberamente quale mescole utilizzare e non saranno costretti ad effettuare la sosta ai box. La classifica finale della Sprint Qualifying determinerà la griglia di partenza della gara di domenica. Il vincitore otterrà 3 punti, la vittoria verrà contata come pole position ai fini statici, il secondo classificato 2 punti ed il terzo un punto. Non si terrà la classifica cerimonia sul podio, ma verrà semplicemente assegnato il trofeo al primo classificato.
Una volta che la gara prenderà il via, le monoposto entreranno in regime di parco chiuso completo, il che significa che nessuna modifica potrà essere effettuata, nemmeno modificare la distribuzione dei pesi. Il sistema delle penalità rimarrà invariato come se si trattasse della gara classica la domenica, ad eccezione dell’eventuale ritiro di un pilota che deve ancora scontare la propria penalità. In questo caso, il Race Director (Michael Masi) potrà decidere se penalizzare, o meno, il pilota in griglia di partenza in ottica della gara di domenica.

DOMENICA (gara, dalle ore 16:00):
Per la gara tradizionale non cambierà nessun aspetto, tutto rimarrà invariato come nelle classiche gare ad eccezion fatta del fatto che tutti i piloti potranno scegliere con quale tipologia di pneumatico prendere il via e non solo i piloti che sono rimasti esclusi dal Q1 e dal Q2. La distanza di gara prevista sarà 52 giri, il chilometraggio totale di 306,198 chilometri. I punti assegnati ai primi dieci saranno i medesimi: 25, 18, 15, 12, 10, 8, 6, 4, 2 e 1. Il punto addizionale del giro veloce verrà assegnato solamente se il pilota otterrà un piazzamento tra i primi dieci. A fine gara si terrà la consueta cerimonia del podio.
 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password