F1 | GP Spagna 2021: anteprima Pirelli

Il costruttore di pneumatici milanese analizza la scelta delle tipologie di coperture che verranno portate in occasione della tappa spagnola

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 06/05/2021 in Sport da Dennis Ciracì
Condividi su:
Dennis Ciracì
Infografica Pirelli (foto: Pirelli Twitter)

PERCHÉ ABBIAMO NOMINATO QUESTE MESCOLE
Come nel 2020, quando il Gran Premio di Spagna si è disputato per la prima volta a metà agosto, anche quest’anno per la gara di Barcellona sono state scelte le tre mescole più dure della gamma: C1 come hard, C2 come medium e C3 come soft. Questa nomination è uguale a quella di una settimana fa in Portogallo. Infatti, nonostante con molta probabilità le temperature saranno più basse rispetto allo scorso anno, i carichi importanti che il circuito spagnolo impone sui pneumatici restano invariati, specialmente per Curva 3, un lungo curvone verso destra che sollecita soprattutto l’anteriore sinistro. Anche Curva 9 è particolarmente impegnativa per i pneumatici. Per la prima volta dal 2014, quest’anno Barcellona non ha ospitato i test pre-season, quindi i Team scenderanno in pista con le monoposto 2021 senza avere dati prestazionali di riferimento.

CARATTERISTICHE DEL TRACCIATO
Il layout è stato modificato quest’anno, con un diverso profilo in Curva 10 (La Caixa) per aumentarne la sicurezza. Il risultato è una curva verso sinistra leggermente più larga rispetto alla precedente, con un’area di fuga più grande e uno spazio di frenata ridotto, a vantaggio di una velocità di ingresso curva più elevata. Come conseguenza, la lunghezza del giro è aumentata di 20 metri rispetto alla versione precedente. I famosi carichi imposti dal tracciato di Barcellona rendono davvero sfidante una strategia a una sosta, anche se le temperature più basse di quest’anno potrebbero aiutare. Nel 2020, Lewis Hamilton (Mercedes) ha vinto con una strategia a due soste soft-medium-medium, mentre Sergio Perez è arrivato 5° con una sosta soft-medium. Tre pit stop per Valtteri Bottas, 3° al traguardo.
Sul tracciato di Barcellona è in generale piuttosto difficile effettuare sorpassi, anche se il lungo rettilineo in discesa e la zona DRS possono favorirli. Per questo motivo le qualifiche e la strategia di gara sono due aspetti cruciali per guadagnare posizioni. Vista la presenza di alcune gare di supporto nel corso del weekend, l’evoluzione dell’asfalto potrebbe essere piuttosto rapida, con una pista più gommata rispetto ad altre gare finora disputate in questa stagione che hanno visto scendere in pista solo la Formula 1. Di seguito i parametri in una scala da 1 a 5.

 

PARAMETRO VALORE
Trazione 3
Frenata 4
Forze laterali 4
Stress pneumatici 4
Aderenza asfalto 4
Abrasione asfalto 3
Deportanza 4

MARIO ISOLA (RESPONSABILE F1 E CAR RACING):
Nel 2020 la strategia di gara a Barcellona è stata influenzata principalmente dalle elevate temperature asfalto. Quest’anno, con il ritorno in calendario in una data primaverile, le temperature dovrebbero essere inferiori ma saranno comunque un fattore chiave della strategia. Le modifiche al profilo in Curva 10 aggiungono una nuova sfida che potrebbe influire sul modo in cui i piloti affrontano il giro. In passato abbiamo visto che l’aspetto tattico è uno dei fattori che fanno davvero la differenza su questo tracciato e dovrebbe essere così anche in questo fine settimana”.

PRESSIONI MINIME AL VIA (slick):
Anteriore: 22.0 psi
Posteriore: 19.5 psi

LIMITE CAMBER MASSIMO:
Anteriore: - 3,25°
Posteriore: - 1,75°

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password