MotoGP, GP Portogallo 2021: analisi Brembo

L’analisi tecnica del costruttore italiano sull’impiego dei sistemi frenanti delle moto della classe regina all’Autodromo Internacional do Algarve

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 14/04/2021 in Sport da Dennis Ciracì
Condividi su:
Dennis Ciracì
La frenata in discesa della prima curva di Portimao (foto: MotoGP)

Secondo i tecnici Brembo l’Algarve International Circuit rientra nella categoria dei circuiti scarsamente impegnativi per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 2, il secondo più basso del campionato 2021, a pari merito con Phillip Island.
I continui saliscendi che caratterizzano il tracciato lusitano rendono difficile per i piloti calibrare le staccate, con il rischio di arrivare lunghi in discesa o di frenare troppo presto in salita. In discesa si tocca una pendenza massima del 12 per cento e in salita del 6 per cento, mentre l’inclinazione trasversale tocca in alcuni punti l’otto per cento. In un simile contesto i cerchi rivestono grande importanza e l’eccellenza in materia è Marchesini.

- BREMBO E MARCHESINI IN COLLABORAZIONE PER LA MIGLIOR PERFORMANCE
Dal marzo 2000 Marchesini è un’azienda che fa parte del gruppo Brembo con cui condivide la stessa sede produttiva. Anche per quest’annata, i cerchi in magnesio forgiato Marchesini equipaggiano quasi due terzi delle moto presenti in pista in MotoGP. Per l’anteriore sono disponibili le varianti a 5 razze a Y e a 7 razze, per il posteriore a 7 razze.
Tutti questi esemplari discendono da multiforging 3D a stampo chiuso e trattamento termico e garantiscono massima rigidezza e minima inerzia. Il risparmio di peso assicurato dalle ruote Marchesini, che insieme ai pneumatici costituiscono le masse non sospese in rotazione più importanti, migliora l’accelerazione della moto, la sua maneggevolezza nei cambi di direzione e la risposta in frenata.

- CERCHI MARCHESINI ANCHE SULLE MOTO STRADALI
Marchesini non si limita a regalare emozioni forti ai piloti professionisti, ma realizza anche soluzioni che assicurano alte prestazioni agli utilizzatori delle moto stradali. Contraddistinti da uno stile inconfondibile, sono realizzati impiegando metodi di progettazione, analisi strutturale e sperimentazione all’avanguardia.
I cerchi M7R Genesi dispongono di 7 razze costituite da una lega di magnesio impiegata per applicazioni aerospaziali lavorata attraverso una forgiatura multi direzionale e l’uso di stampi ottimizzati sulla geometria finale della ruota: la riduzione di peso rispetto ai cerchi di serie va dal 26 al 41 per cento a seconda del modello di moto.

- TRACCIATO PIU’ ESIGENTE PER LA MOTOGP CHE PER LA SUPERBIKE
I piloti della MotoGP utilizzano i freni in 10 delle 15 curve del tracciato portoghese, lo stesso numero dei piloti del Mondiale Superbike che qui dovrebbero correre in ottobre. In ogni giro i freni delle MotoGP sono in funzione per 32 secondi, a fronte dei 31 secondi e mezzo delle derivate di serie. Cinque delle frenate affrontate dalle MotoGP ogni giro comportano però cali di velocità inferiori ai 70 km/h e decelerazioni che non superano 1 g. In tutte le curve gli spazi di frenata sono inferiori ai 140 metri con due eccezioni per giro in cui superano i 210 metri e richiedono l’uso dei freni per cinque secondi. Dalla partenza alla bandiera a scacchi il carico totale sulla leva del freno supera di poco gli 8 quintali.

- CURVA 1 LA FRENATA PIU’ IMPEGNATIVA
Delle dieci frenate dell’Algarve International Circuit solo una è classificata come impegnativa per i freni, tre sono di media difficoltà e le restanti sei sono scarsamente impegnative. La staccata più dura per le MotoGP è la prima dopo il traguardo, complice anche l’antecedente rettilineo fronte box della lunghezza di 969 metri, dove l’anno scorso la Ducati di Dovizioso aveva raggiunto la velocità di punta di 351,7 km/h. I piloti decelerano da 332 km/h a 114 km/h in 5 secondi, nell’arco dei quali percorrono 299 metri. Il carico esercitato sulla leva del freno è di 5,7 kg, la decelerazione subita è di 1,5 G, mentre la pressione del liquido freno raggiunge i 12,2 bar.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password