MotoGP, Petronas Yamaha SRT: presentati moto e team 2021

La scuderia malese, che ha ingaggiato Valentino Rossi e che punta alla consacrazione definitiva, è l’unica ad essere presente in MotoGP, Moto2 e Moto3

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 01/03/2021 in Sport da Dennis Ciracì
Condividi su:
Dennis Ciracì
Valentino Rossi e Franco Morbidelli con la nuova 'YZR-M1' del Petronas Yamaha Sepang Racing Team

E’ stata presentata questa mattina, tramite una diretta streaming a partire dalle ore 10:30 sul canale YouTube ufficiale della scuderia, la nuova moto ‘YZR-M1’ del Petronas Yamaha Sepang Racing Team.
La scuderia malese ha affiancato Valentino Rossi al confermato Franco Morbidelli. Il pluri iridato sostituirà Fabio Quartararo, che andrà a far coppia con Maverick Vinales al Monster Energy Yamaha MotoGP.
Per il team malese, che ha fatto il proprio esordio nel motomondiale due anni fa, la stagione 2021 rappresenta quella del salto di qualità definitivo nella classe regina. Nel 2019, la Petronas Yamaha SRT è stata nominata come la miglior scuderia indipendente dell’anno, mentre il ventunenne francese ha vinto il titolo di ‘Rookie of the Year’.
La passata stagione, il transalpino e l’italo-brasiliano hanno ottenuto sei successi complessivamente, tre a testa, a testimonianza della crescita sia del team sia della moto. In particolar modo, l’iridato Moto2 del 2017 ha concluso in seconda posizione il mondiale piloti a soli tredici punti di distacco dall’iridato Joan Mir.
Il primo biennio in MotoGP ha denotato la crescita esponenziale di una squadra che, nella stagione che prenderà il via il prossimo 28 marzo al Losail International Circuit, vorrà puntare al titolo in entrambi i mondiali. L’ex pilota del Marc VDS Racing Team guiderà una M1 A-Spec Plus, mentre il nove campione del mondo salirà in sella alla M1 Factory.
Nel corso della diretta è stato presentato anche il Petronas Sprinta Racing Team che sarà presente nella classi Moto2 e Moto3 con in sella rispettivamente Xavi Vierge e Jake Dixon nella classe di mezzo e John McPhee e Darryn Binder nella classe leggera.
Razlan Razali, Team Principal, ha condotto l’evento e si è espresso così sulle aspettative per la nuova stagione: “siamo orgogliosi di rappresentare la Malesia e Petronas sulla scena mondiale in MotoGP per una terza stagione come Petronas Yamaha Sepang Racing Team. Non vediamo l’ora che inizi la stagione, desiderosi di dare a Franco e Valentino le migliori opportunità. Franco si trova davanti ad un’occasione di spessore per ottenere risultati ancor miglior dopo l’eccellente stagione scorsa. Per quanto riguarda Valentino speriamo che la nuova squadra gli dia le migliori opportunità per sfruttare il suo talento e la sua esperienza”.
Il team ha goduto di una crescita incredibile da quando è entrato nel motomondiale - ha evidenziato Razali - e siamo grati a Petronas e Yamaha per il loro sostegno e per la loro filosofia. Il 2020 è stato un anno straordinario per noi ma siamo consapevoli del fatto che ci siano sempre aree nelle quali possiamo migliorare. Ci aspettiamo un’altra annata caratterizzata dalle battaglie in pista. Faremo tutto il possibile per sostenere Franco e Valentino assicurandoci che abbiano tutto ciò di cui hanno bisogno a loro disposizione”.
In conclusione, il team principal della squadra ha speso parole importanti per i piloti delle altre categorie: “come squadra, il Petronas Sepang Racing Team incorpora anche il Petronas Sprinta Racing nelle classi Moto2 e Moto3 e siamo orgogliosi di avere due formazioni molto forti anche in queste categorie. Da Xavi e Jake, in Moto2, e da John e Darryn, in Moto3, ci aspettiamo stagioni molto emozionanti”.
Di umore positivo anche il neo acquisto Valentino Rossi, che si è detto entusiasta di affrontare un nuovo percorso professionale nella sua gloriosa carriera nel motomondiale: “sono molto orgoglioso di far parte del Petronas Yamaha Sepang Racing Team. È una nuova sfida per me. Questa è una squadra molto giovane ma nei loro primi due anni sono già stati molto competitivi. Sono felice di vedere la mia nuova moto per quest’anno e mi piacciono molto i colori della livrea, le tute, il casco e il design generale. Ha un aspetto stupefacente”.
Il nativo di Tavullia ha successivamente analizzato quali saranno gli obbiettivi da perseguire nell’arco dell’annata: “i miei obiettivi per il 2021 sono quelli di essere competitivo, lottare per vincere i gran premi aspirare ai podi e anche ottenere una buona posizione nella classifica generale. Siamo tutti molto concentrati sui nostri obiettivi e faremo il massimo per raggiungerli. Penso che con Franco costituiamo una coppia di piloti molto interessante perché ci conosciamo molto bene. Tutta la squadra è molto motivata e io darò il massimo per ottenere insieme il miglior risultato possibile alla fine dell’anno. Siamo pronti per iniziare”.
In seguito alle dichiarazioni dei piloti, parola al Team Director Johan Stigefelt: “ci apprestiamo alla prossima stagione con orgoglio per ciò che abbiamo raggiunto negli anni precedenti ma con la consapevolezza che i nostri avversari non stanno mai fermi, quindi non dobbiamo abbassare la guardia. Abbiamo ottenuto grandi risultati in MotoGP nelle nostre prime due stagioni ma certamente non siamo stati perfetti. Durante la pausa invernale abbiamo mirato a miglioramenti su tutti gli aspetti”.

Il direttore del team nutre grandi aspettative non solo sulla classe regina ma anche sulla altre due categorie: “guardando i nostri piloti in tutte le classi, il potenziale è enorme perché siamo forti in ciascuna delle tre categorie. I nostri obiettivi sono più alti rispetto al solito e lo è anche il nostro potenziale. Il nostro sogno è quello di ottenere una vittoria in ogni categoria nello stesso fine settimana. E’ chiedere molto ma non è impossibile”.
Dopo il lungo focus sul Petronas Yamaha Sepang Racing Team, nel corso della presentazioni sono intervenuti i piloti Moto2 e Moto3 del Petronas Sprinta Racing Team.
Xavi Vierge, dopo il primo anno di apprendistato, ha le idee chiare su quali debbano essere gli obbiettivi stagionali: “essere parte del Petronas Sprinta Racing è stupendo. Io e la squadra ci capiamo perfettamente dopo un anno di lavoro insieme. Il mio obiettivo è quello di lottare per le prime posizioni fin dall’inizio e di continuare a lottare per il campionato fino alla fine. Cercherò di non ripetere gli stessi errori dell’annata passata e di evitare gli infortuni facendo attenzione ad ogni dettaglio. Questi sono i nostri obiettivi”.
Sulla stessa lunghezza d’onda anche il suo compagno di squadra
Jake Dixon: “è fantastico essere coinvolto nel Petronas Sprinta Racing perché ovviamente sono presenti in Moto3, Moto2 e MotoGP, ed l’unica squadra presente nelle tre classi. Inoltre, significa molto per me fare parte di un nome globale come Petronas. Questa stagione voglio essere più costante fin dall’inizio. Prenderò i primi round per vedere a che punto sono e poi costruirò il mio ritmo per puntare alle vittorie e ai podi, così come ho fatto sul finire del 2020”.
John McPhee e Darryn Binder sono gli alfieri del team asiatico nella classe leggera. Il britannico, che ha fatto il proprio esordio in Moto3 nel 2012, si appresta ad iniziare la terza stagione consecutiva nel team con sede a Kuala Lumpur: “far parte del Petronas Sprinta Racing per il terzo anno consecutivo è semplicemente fantastico ed è un sogno che si avvera. Sono un gruppo di persone professionali dentro e fuori dai tracciati. Mi hanno aiutato a raggiungere alcuni grandi risultati con due vittorie e sette podi. Sono entusiasta di vedere presto la squadra dopo la lunga pausa invernale. Penso che dopo le forti prestazioni dello scorso anno in molte gare, so che posso andare meglio. Abbiamo analizzato un sacco di dati del 2020 e sono davvero entusiasta di vedere di che cosa siamo capaci. Spero di vivere un grande anno”.
Sulla stessa linea di pensiero anche il suo team mate, al debutto in Petronas dopo l’esperienze in Mahindra nel 2015 e 2016 e in KTM nell’ultimo quadriennio: “significa molto per me far parte di questo gruppo. Hanno una squadra in ogni categoria e assicurano un importante percorso verso la classe regina. Inoltre, ho sempre stimato Rossi davvero entusiasta di essere nella sua stessa squadra. Sto lavorando per vivere una stagione da protagonista in Moto3. Ho concluso bene l’anno passato e sto cercando di riprendere da dove ho lasciato facendo del mio meglio. Voglio cercare di essere sul podio il più possibile e quando non potrò essere sul podio, voglio comunque essere nei primi cinque”.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password