Volley donne: Pomì in semifinale nel Mondiale per Club a Manila

Le ragazze di Caprara schiantano il PSL in tre set e ora attendono Zurigo

pubblicato il 20/10/2016 in Sport da Luciano Mazziotta
Condividi su:
Luciano Mazziotta

Vola in semifinale la Pomì Casalmaggiore che battendo per 3-0 il PSL Manila (25-19, 25-15, 25-21) e approfittando della sconfitta al tie-break del Rexona Sesc Rio contro l'Eczacibasi VitrA Istanbul, è nelle migliori quattro squadre del mondo nel Volleyball Women's Club World Championship 2016 in corso di svolgimento a Manila. Adesso sul cammino delle ‘rosa’ di Gianni Caprara verso la finalissima ci sono le svizzere del Volero Zurigom, un'altra multinazionale del volley femminile capace di schierare al centro la statunitense Akinradewo e la russa Orlova, la brasiliana Fabiola in palleggio, l'opposta ucraina Rykhliuk, infine al posto 4 la bulgara Rabadzhieva (Bulgaria) e l'altra brasiliana Mariana Costa. Il match è in programma sabato 22 ottobre alle 13.30 e sarà trasmesso da Rai Sport HD con il commento di Marco Fantasia e Claudio Galli.

La partita con le filippine padrone di casa, giocata davanti a un pubblico rumoroso e appassionato nella Mall of Asia Arena, è sfilata senza troppi intoppi nonostante Casalmaggiore dovesse vincere a tutti i costi per passare il turno. Coach Caprara ha schierato Peric titolare in regia al posto dell'acciaccata Lloyd, mentre nel corso del terzo set ha inserito Turlea nel ruolo di opposto. Qualche affanno nel primo parziale, quando Manila si è avvicinata fino a 20-18 prima cedere le armi, e soprattutto nel terzo con la Pomì costretta a rimontare da 10-15. Il muro di Stevanovic e gli attacchi di Tirozzi e Bosetti poi hanno raddrizzato il parziale, fino al 25-21 firmato da Gibbemeyer.

Top score dell’incontro è stata la Bosetti con 16 punti - anche oggi conditi da 4 muri e 3 servizi vincenti -, seguita da capitan Tirozzi con 14. Un risultato prestigioso, l'ennesimo della breve storia casalasca, che sembrava irraggiungibile dopo la netta sconfitta all'esordio con le turche di Massimo Barbolini. La rimonta vincente nello 'spareggio' con il Rexona, invece, ha cambiato le carte in tavola e ha spinto un gradino più su la squadra Campione d'Europa. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password