Lega Pro, Benevento da Coppa Davis

Pisa supersecondo nel girone B

pubblicato il 17/03/2016 in Sport da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Logo Lega Pro

Una Spal con atteggiamento vacanziero.

E poi un Benevento che si riscopre titanico a spese di un’ex capolista e, con la discrezione tipica della regione che rappresenta, un’altra ex squadra capolista, il Bassano, che torna a riaffacciarsi nelle posizioni che più contano. Benvenuti in Lega Pro, a otto giornate dalla fine del torneo. Eccovi il ticket per l’ennesima visita guidata nelle vicende delle tre “cantiche” del campionato Bell’Italia.  

Girone A: qui  il Feralpisalò, battuto a Renate per 1-0 il sabato, è stato costretto a rimandare la sua scalata in zona playoff. Ancor più cocente la sconfitta del Pordenone-rivelazione il giorno successivo: battuto dal Bassano in terra veneta per 1-0, deve subire il sorpasso proprio da parte della squadra di Sottili, che raggiunge quota 49 punti e diventa vice-capolista solitaria. I friulani di Tedino restano due punti sotto, a 47. Lunedì, infine, il Cittadella vince ad Alessandria per 2-1 e allunga comodamente di 10 punti sulla seconda

Nel raggruppamento di mezzo il Pisa di Gattuso non vuole saperne di fermare la sua marcia di consolidamento al secondo posto: sabato, all’ombra della Torre pendente, si sbarazza del Savona col più classico dei risultati vincenti (2-0) e si sistema a quota 51 punti. Sempre terza è la Maceratese, che però domenica si prende la soddisfazione di sgambettare la regina del girone, la Spal, e per giunta in terra estense: il 4-1 dei marchigiani al “Mazza” è senz’altro il risultato più sensazionale della giornata a queste latitudini, anche se, nell’economia della classifica dei biancorossi di Bucchi, non rappresenta certo una svolta: continua a rimanere tre punti sotto i nerazzurri toscani, a quota 48.

Nel girone C, intanto, il Cosenza non sembra essersi del tutto ripreso dai postumi dell’inaspettata debacle in quel di Matera, e lo dimostra il pareggio interno a reti bianche con la Paganese in uno degli anticipi di sabato. Sempre sabato, il Lecce è stato invece corsaro a Monopoli (1-0), e a 49 punti è tornato ad essere grande protagonista nelle zone alte della classifica. Secondo solitario alle spalle del Benevento, capace, domenica al "Vigorito", di rifilare addirittura sei reti alla Casertana che, seppur ancora pienamente in corsa, non sembra avere più quel piglio da squadra ammiraglia ammirato nei mesi precedenti. Sanniti sempre soli al comando, dunque ma sempre con un solo punto di vantaggio sui salentini di Braglia. Seguono proprio la Casertana, a 46, il Cosenza, a 45 e, un punto più sotto, il Foggia, uscito malconcio dalla gara di Messina (si sono imposti i peloritani per 3-2).     

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password