Lanciato razzo Vega. Con 53 satelliti segna una nuova era per la space economy e porta con se molta Italia

pubblicato il 03/09/2020 in Scienza e Tecnologia da Marica Marietti
Condividi su:
Marica Marietti

Alle 03.51 di questa notte, dalla base europea di Kourou in Guyana Francese, è partito il razzo europeo Vega. Per la prima volta porta in orbita 53 satelliti con il dispenser Small Spacecraft Mission Service con l'obiettivo di rivoluzionare i servizi spaziali e incrementare la space economy. Il lancio è finalmente avvenuto dopo una serie di rinvii a causa del maltempo.

Il razzo dell'ESA (Agenzia Spaziale Europea) ha portato in orbita sette micro satelliti e 46 satelliti più piccoli, i CubeSat, realizzati da 13 Paesi (8 dei quali europei) L'Italia ha partecipato molto attivamente alla missione. Insieme a Israele, il nostro Paese porta in orbita gli esperimenti Argtm con l'Università Federico II di Napoli, che studia gli effetti della microgravità sulla resistenza dei batteri agli antibiotici; Mambo, dell'Università di Roma Tre, per valutare il rilascio dei farmaci nell'organismo in condizioni di microgravità; Spacelys, dell'Università di Bologna, per valutare gli effetti della microgravità su una proteina legata al sistema immunitario; Nogquad, dell'Università di Tor Vergata, per lo studio dell'espressione dei geni e la comparsa di malattie, come sclerosi laterale amiotrofica o la sindrome dell'X fragile. Inoltre il razzo è stato costruito in Italia, da Avio.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password