Svolta storica di Twitter: al via i 280 caratteri per (quasi) tutti

Per ora esclusi gli utenti che scrivono in cinese, giapponese e coreano

pubblicato il 08/11/2017 in Scienza e Tecnologia da Redazione
Condividi su:
Redazione

Arriva la svolta per Twitter. Si chiude l'era dei 140 caratteri e arriva quella dei 280. L'aumento è a disposizione di tutti gli utenti, tranne per quelli che usano il servizio di microblogging in cinese, giapponese e coreano.

La sperimentazione per portare il limite massimo da 140 a 280 caratteri era stata condotta nelle ultime settimane. Ora, al posto del classico conto alla rovescia numerico, Twitter mostra un cerchio che si riempie man mano che viene realizzato il tweet, per indicare quanto spazio si ha ancora a disposizione. 

"Noi, come molti di voi, - scrive Twitter nel post che sancisce il raddoppio - eravamo preoccupati che le timeline potessero riempirsi di tweet di 280 caratteri, e che le persone che avevano a disposizione questo spazio lo avrebbero sempre utilizzato per intero. Ma non è successo. Solo il 5% dei tweet inviati erano più lunghi di 140 caratteri e solo il 2% sopra i 190 caratteri".

Nel blog di Twitter si spiega come "tradizionalmente, il 9 per cento dei tweet in inglese raggiunge il limite dei caratteri. Questo riflette la difficoltà nel condensare un pensiero in un tweet, con il risultato che spesso si spreca molto tempo nel fare l’editing o si abbandona il piano di fare un tweet. Con il limite più ampio, questo problema è stato ampiamente ridotto: la percentuale è scesa a 1. Avendo rilevato meno tweet che raggiungono il limite, pensiamo che gli utenti abbiano impiegato meno tempo a scriverli prima di inviarli. Questo dimostra che più spazio semplifica la condivisione dei pensieri in un tweet, in modo che si possa dire ciò che si vuole, e che si possano inviare tweet più velocemente di prima".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password