Tecnologia: nuova batosta su Samsung, anche le lavatrici si 'ribellano'

La soluzione? Un intervento gratuito a casa oppure uno sconto sul prossimo acquisto

pubblicato il 07/11/2016 in Scienza e Tecnologia da Danilo Di Laudo
Condividi su:
Danilo Di Laudo
Il logo della Samsung

Continua il periodo nero per il colosso della tecnologia sud coreano che si trova a navigare nuovamente in acque torbide.

Sono passate poche settimane da quando Samsung ha deciso di ritirare dal mercato circa 2 milioni di Galaxy Note7 (leggi) e oggi si trova ad affrontare un nuovo prodotto potenzialmente pericoloso per i propri utenti: la lavatrice.

A dar pensiero questa volta non sono le batterie che esplodono ma i coperchi. Infatti l’azienda coreana è stata costretta al richiamo, negli Stati Uniti, di circa 2,8 milioni di dispositivi a carica dall’alto che si sono rivelati pericolosi per via del coperchio che, durante le centrifughe, corre il rischio di staccarsi.

A rendere nota questa ‘cattiva nuova’ è stata la Consumer Product Safety Commission (CPSC), un’agenzia indipendente dal Governo a Stelle e Strisce che si occupa della sicurezza dei prodotti di largo consumo.

34 i modelli di lavatrice coinvolti nella nuova campagna di indagini, venduti dal 2011 in poi con prezzi oscillanti tra i 450 e i 1500 dollari. Per il momento sono 733 le segnalazioni di vibrazioni eccessive con conseguente distacco del coperchio.

Delle 773, nove sono inoltre le segnalazioni riguardanti le lesioni a persone nelle quali rientrano anche una ferita alla spalla e una mascella rotta.
A questo punto la Samsung ha deciso di offrire due diverse opzioni ai propri utenti, la prima è un intervento gratuito presso la propria abitazione volto al rinforzo del coperchio; la seconda, di tipo prettamente economico, è la concessione di uno sconto sull’acquisto di una nuova lavatrice di un qualsiasi marchio compreso Samsung ovviamente.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password