Giornata Mondiale della Tubercolosi

Nel 2011, 8,7 milioni le persone infettate

pubblicato il 24/03/2014 in Salute e alimentazione da Angela Menna
Condividi su:
Angela Menna

Oggi, la tubercolosi sembra essere scomparsa nel mondo, ma in realta' non e' cosi, perche' secondo l'OMS, una persona su tre e' infettata da questa malattia e ogni due secondi si conta una vittima. A differenza di altre temibili malattie infettive, pare che la TBC riesca a diffondersi più facilmente e rapidamente. Dunque, per far prendere coscienza a tutti – anche a chi non considerava più questa malattia – si celebra oggi, 24 marzo 2014, la Giornata Mondiale della Tubercolosi. L’obiettivo, oltre a rendere consapevoli le persone del reale pericolo, è quello di colmare un gap nei finanziamenti per la ricerca e la cure della malattia, che sembra essere stata messa nel dimenticatoio. Quest’anno, secondo l’OMS, mancano all’appello un miliardo e seicento milioni di dollari. Una cifra che potrebbe essere una buona base per condurre una lotta degna del nemico che si ha di fronte e che resta uno dei grandi killer mondiali: nel 2011, le persone che l’hanno contratta nel mondo sono state 8,7 milioni, e i decessi sono stati 1 milione e 400mila. Secondo il ministero della Salute, in Italia, l'incidenza della tubercolosi negli ultimi anni e' inferiore a 10 casi ogni 100mila. Per questa giornata, l'OMS ha annunciato che dal  1995 al 2001, ci sono stati grandi miglioramenti: 51 milioni i pazienti curati e 20 milioni le vite salvate. Tuttavia, se si riuscisse a colmare il gap nelle risorse, nei prossimi tre anni, si stima che potranno essere 17 milioni le persone da riuscire a curare, salvando, quindi, 6 milioni di vite.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password