Il progetto Together per la prevenzione in tema di salute della donna

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 28/04/2022 in Salute e alimentazione da PAOLA DI PIETRO
Condividi su:
PAOLA DI PIETRO
Lo scorso 22 aprile si é celebrata la settima Giornata Nazionale della Salute della Donna, istituita nel 2015 e promossa dalla Fondazione Atena onlus con il Ministero della Salute. E’ stata l’occasione per organizzare su tutto il territorio nazionale iniziative e manifestazioni che hanno lo scopo di mettere in prima linea l’interesse per la medicina di genere e per la salute delle donne in particolare. Testimonial d’eccezione quest’anno è il tennista Matteo Berrettini, che va ad affiancare la madrina Rocío Muñoz Morales, da sempre vicina ad Atena Donna. Quest’anno tutte le attività di informazione e di prevenzione proposte risultano particolarmente importanti, visto che lo scenario epidemiologico ha causato un preoccupante rallentamento nell’attuazione dei programmi di screening. Carla Vittoria Maira, Presidente di Atena Donna e ideatrice della Giornata Nazionale ha evidenziato come di anno in anno cresca il coinvolgimento e l’entusiasmo da parte di moltissime associazioni che si occupano di prevenzione e che organizzano convegni sulla medicina di genere, con la conseguenza che diventano sempre più numerosi gli ospedali che aprono le porte per permettere alle donne screening per tutta la settimana. Quest’anno Atena, proseguendo il percorso nato da un protocollo d’ intesa tra Atena Donna, il Ministero della Giustizia e il DAP, lancia il progetto Togheter che si svilupperà nei prossimi due anni nelle case circondariali. Prevede attività di screening anche per le donne ristrette, che non possono accedervi durante la Giornata Nazionale, perché ogni donna abbia le stesse opportunità di fare prevenzione. E stiamo lavorando anche su un nuovo progetto molto importante sostenuto da un Comitato Promotore di straordinario profilo.” Dice RocíoMuñoz Morales “La Giornata Nazionale della Salute della Donna è un appuntamento che ogni anno offre l’opportunità di riflettere sul proprio stato psicofisico” Da parte sua Matteo Berrettini ha lanciato un appello rivolgendosi a tutte le donne per invitarle a prendersi cura della propria salute, a non trascurare la prevenzione e gli screening periodici, che sono fondamentali per stare bene e affrontare le sfide della vita, ritenendo importante dare priorità al proprio benessere con costante esercizio fisico, con la giusta alimentazione e con stili di vita corretti. A chiusura delle numerosissime attività che si svolgeranno per tutta l’ultima settimana di aprile, si terrà la tradizionale Regata Fiume in Rosa, quest’anno non solo nella Capitale come di consueto ma, per la prima volta in tutta Italia: saranno ben 27 le città coinvolte, con moltissime imbarcazioni che, dal nord al sud, coloreranno l’acqua con una scia rosa. L’appuntamento romano con la Regata, organizzata da Atena in collaborazione con la Fondazione Severino, è per sabato 30 aprile alle ore 11,30 presso il Circolo Canottieri Aniene. Con tale iniziativa la Fondazione intende mandare un messaggio di solidarietà rivolto a tutte le donne che hanno vissuto o stanno vivendo l’esperienza della malattia. Remeranno insieme atlete provenienti dai diversi circoli con le donne che hanno dovuto affrontare problematiche oncologiche e utilizzano il canottaggio come forma di riabilitazione. E’ l’occasione per tante donne di mettere il proprio impegno e la propria forza per far arrivare il messaggio dell’importanza della prevenzione e dello sport come risorsa fondamentale per la salute.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password