L’universo dell’odontoiatria si dà appuntamento a Pescara

Il 27 e 28 settembre al Marina di Pescara arriva l’Abruzzo dental forum

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 26/09/2019 in Salute e alimentazione
Condividi su:

È l’odontoiatria digitale il tema portante dell’Abruzzo dental forum, appuntamento Andi-Associazione nazionale dentisti italiani, in programma venerdì 27 e sabato 28 settembre al Porto turistico Marina di Pescara - Padiglione Becci. Due giorni per fare il punto della professione, all’insegna di un lavoro di squadra. Questa infatti l’impostazione del congresso, a partire dal titolo: “Odontoiatria digitale. Il team unito per il successo”.  

In scaletta interventi di professionisti abruzzesi nonché nazionali, per tre sessioni, partendo dagli odontoiatri, passando per odontotecnici, fino agli igienisti dentali. Non mancano le sessioni comuni. All’evento è associato il terzo concorso memorial Matteo Danza, istituito per mantenere viva la memoria e lo spirito di iniziativa e condivisione scientifica del professionista scomparso prematuramente. Per giovani odontoiatri under 35, l’opportunità di concorrere per vincere un master di perfezionamento all’università di Chieti.

«Fin dall’elezione alla mia presidenza di Andi Abruzzo - commenta Antonio Tafuri (foto) - la priorità è stata organizzare un evento che fosse momento di incontro di tutta l’odontoiatria abruzzese, con il coinvolgimento di colleghi di altre regioni, facendo della nostra città e dell’Abruzzo il punto di riferimento del centro-sud Italia per eventi dedicati al tema. La scelta dell’argomento congressuale è scaturita dalla considerazione del sempre più diffuso impiego di dispositivi digitali nella pratica quotidiana, in ogni studio».

Il congresso si rivolge a tutto il gruppo di lavoro, dunque. Per questo sono stati coinvolti, oltre agli odontoiatri, i tecnici, gli igienisti, le assistenti e gli studenti dei corsi di laurea in odontoiatria e protesi dentaria delle università abruzzesi.  

«Abbiamo pensato ad un programma scientifico che coinvolgesse tutti gli artefici del successo degli studi dentistici italiani - aggiunge Paolo Cardelli, segretario culturale regionale dell’Andi -. Il tema dell’odontoiatria digitale, oltretutto, non può fare a meno di un approccio corale. Da ciò anche la scelta di una sessione comune clinico-tecnica, nonché l’introduzione della sessione igienisti dentali. L’apertura delle sessioni agli assistenti alla poltrona, poi, sarà per loro occasione di comprendere meglio le procedure cliniche, migliorando il supporto operativo che ogni giorno mettono a disposizione del professionista. Sempre all’insegna di una visione comune del lavoro».

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password