L'importanza della psicoterapia

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 26/02/2019 in Salute e alimentazione da Fabio Presti
Condividi su:
Fabio Presti

Molto spesso accade che bisogna toccare il fondo prima di capire che abbiamo bisogno di un aiuto per affrontare tutte quelle esperienze, vecchie o nuove che siano, che ci creano un profondo malessere, che da psichico talvolta diventa anche fisico, o anche un più semplice disagio che non ci consente di vivere serenamente la nostra vita. In alcuni casi si tratta di ferite molto antiche che ormai si credevano rimarginate, e che per un qualsiasi motivo riemergono all’improvviso, in altri, invece, potrebbe essere un’esperienza inaspettata e dolorosa, come una morte, una malattia o un abbandono, a mandare in pezzi la nostra esistenza, lasciandoci soli con noi stessi senza sapere cosa fare per uscirne fuori. In entrambe le ipotesi, sono due le alternative che abbiamo a disposizione, rimanere immobili e impotenti davanti al dolore che man mano ci logora, oppure, prendere la situazione in mano e cominciare la ricostruzione della nostra esistenza.

Quando ci rendiamo conto che da soli non riusciamo ad intraprendere questo tipo di percorso, bisogna avere il coraggio di rivolgerci ad un professionista che ci accompagni nella ricostruzione e che ci aiuti a capire da dove iniziare. Qualsiasi tipo di dolore, negato, represso, assolutizzato, deve essere sfogato, perché altrimenti diventa paralizzante. È in questi casi che diventa fondamentale e necessaria la psicoterapia, ossia il sostegno psicologico che soltanto uno psicoterapeuta professionista è in grado di garantirvi. La psicoterapia altro non è che un viaggio, che intraprenderete insieme al vostro terapeuta di fiducia, durante il quale esplorerete il vostro mondo interiore, accogliendo, elaborando, contenendo e integrando qualsiasi tipo di esperienza difficile. Un viaggio grazie al quale riuscirete a restituire un senso alla vostra vita.

Per una pratica così delicata è assolutamente opportuno rivolgersi a qualcuno che possa garantire preparazione, competenze e professionalità, quindi ad un terapeuta serio come la dottoressa Maria Teresa Lenoci, laureata in Psicologia, presso la Facoltà degli Studi di Roma “La Sapienza, con indirizzo Psicologia Clinica e di Comunità e, successivamente, abilitatasi, con il massimo dei voti, alla professione di Psicoterapeuta. Dopo la specializzazione in Psicoterapia specialistica per lo Sviluppo e l’Adolescenza, con un approccio cognitivo-comportamentale, e anni di attività clinica presso le case famiglia, attualmente svolge la libera professione come psicologa-psicoterapeuta, ricevendo i propri clienti a Roma in zona Eur, Laurentina e Montagnola. Il suo approccio è di tipo cognitivo-comportamentale (TCC), si tratta di una terapia pratica e tangibile che ha come fine ultimo quello di risolvere i disagi psicologici, riuscendo in tal modo ad eliminare diversi disturbi come la depressione e il disturbo bipolare, ansia, fobie, attacchi di panico e ipocondria, disturbi alimentari, disfunzioni sessuali, solo per citarne alcuni. La psicoterapeuta Lenoci riserva un’attenzione particolare al mondo dell’infanzia nell’ambito del quale la psicoterapia si svolge in un contesto dinamico e creativo, attraverso il gioco, il disegno e la drammatizzazione e mira a risolvere numerosi disturbi tra i quali quelli da deficit di attenzione e iperattività, dell’apprendimento, autismo e mutismo selettivo. La dottoressa Lenoci riesce a rendere la terapia ai bambini un’esperienza serena, grazie alla quale acquistano fiducia in sè stessi, e cominciano a ricercare il significato del malessere che provano.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password