ChefTimeOfficialPage: A regola d'arte

Secondi

pubblicato il 20/08/2017 in Salute e alimentazione da Chiara pirani
Condividi su:
Chiara pirani

Come promesso e come faremo per le domeniche a seguire, continuiamo a lasciare spazio alla passione di un giovane amante della cucina.
Per proseguire in questa avventura culinaria, Marco ci propone un secondo degno di essere annoverato tra le opere d'arte culinaria più belle e buone di sempre.
Un piatto fatto di semplicità, ma caratterizzato dalla presenza di quelli che potrebbero essere definiti due "ingredienti segreti", quelli che danno il titolo al piatto stesso: la regola e l'arte.
La seconda salta subito alla vista, il primo dei sensi che, come dice spesso Marco, deve essere coinvolto nel momento in cui si ha a che fare con la cucina. "L'occhio vuole la sua parte" ed è proprio vero: in questa piccola grande opera d'arte, si celano gusti sorprendenti, ma, allo stesso tempo, non si nascondono affatto colori da mangiare con gli occhi.
A supportare il senso della vista è ovviamente quello del tatto: mani sapienti si esibiscono in un quadro pittoresco, che abbina l'uso di materie prime straordinarie al gusto per la pulizia, la precisione e la geometria: la regola, appunto, che sembra dettata anche da una questione di chimica, svelata a tutti gli effetti solo passando al senso più importante, in questo caso.
Attraverso il gusto, infatti, si potranno cogliere le mille e più sfaccettature del piatto, a cui ognuno, proprio come se si trovasse di fronte a un quadro, potrà dare la propria interpretazione.
Immaginate per un secondo (di carne, in questo caso!) di trovarvi in una galleria d'arte e di poter contemplare questo inconsueto quadro astratto. Se vi dicesse di assaggiarlo, assecondate anche l'udito e lasciatevi inebriare dal profumo di basilico sprigionato: una pennellata di sapori speciali dipingerà le vostre papille gustative.
Ed ecco che Marco si destreggia tra i fornelli, parlando con il cibo e curando in maniera quasi maniacale la presentazione, perché “guardando un bel piatto ci si sazia prima”.
Seguiamolo nella preparazione dell' “A regola d'arte”.

Ingredienti:
2 pomodori maturi, 120g di bresaola fresca,  300g di carne (taglio magro), 3-4 pomodori ciliegini, salsa yogurt q.b., 60g di scamorza, sale, basilico q.b., 2 uova per la panatura, pangrattato q.b., pepe verde q.b., olio, salsa barbecue q.b., miele q.b., glassa di aceto balsamico, rosmarino e/o basilico q.b.
Preparazione:
Per prima cosa, preparare gli involtini: per la prima tipologia, farcire la metà della carne con i pomodorini, la salsa yogurt, la scamorza, il basilico, del pepe verde e un pizzico di sale, arrotolando la carne su se stessa. Passare, poi, gli involtini ottenuti nelle uova sbattute e nel pangrattato e cuocerli in padella, spennellando con della salsa barbecue, per creare la classica "crosticina" (gli zuccheri contenuti nella salsa perdono acqua e si caramellizzano).
La restante carne andrà di nuovo divisa a metà: una parte dovrà essere passata in padella con della salsa barbecue, l'altra con miele e glassa di aceto balsamico. Si consiglia di aromatizzare con basilico e/o rosmarino, rigorosamente freschi.
Il piatto sarà accompagnato da una tartare di pomodori (in alto a sinistra) e da bresaola fresca ( in alto a destra), serviti con salsa yogurt e basilico fresco.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password