M5s: da Perugia ad Assisi per il reddito di cittadinanza

Il leader del Movimento in testa al corteo insieme a Casaleggio

pubblicato il 09/05/2015 in Politica da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

In  cinquantamila hanno marciato per ottenere il reddito di cittadinanza : 19 chilometri da Perugia ad Assisi itinerario scelto non a caso “Oggi è un ritorno alle origini" afferma il deputato Roberto Fico. "Noi siamo nati il 4 ottobre del 2009 il giorno di S.Francesco: dopo due anni possiamo continuare a camminare accanto alle persone"

Un pellegrinaggio nel nome di San Francesco che chiedeva pane per i poveri, in questo caso si è chiesto  reddito per tutti. Il reddito di cittadinanza è  in sintesi questo: " una somma corrisposta a intervallo di tempo regolare, distribuita a tutti coloro dotati di cittadinanza e di residenza in grado di consentire una vita minima dignitosa, cumulabile con altri redditi (da lavoro, da impresa, da rendita), indipendentemente dall'attività lavorativa effettuata, dalla nazionalità, dal sesso, dal credo religioso e dalla posizione sociale ed erogato durante tutta la vita del soggetto."

In testa al corteo ci sono Grillo e Casaleggio. Grillo afferma che se il reddito di cittadinanza non passa chi comanda sarà responsabile nei confronti di milioni di cittadini. Clima di speranza e di allegria molti gli slogan dal "Reddito di cittadinanza, per l'Italia l'ultima speranza", "Chi non salta vota Pd" e "Reddito di cittadinanza per uscita dalla sudditanza"

 Beppe Grillo ha parlato del premier con i giornalisti che lo hanno affiancato durante la marcia: 'Il governo sta lì per caso, Renzi non è stato eletto'. Governa chi vince e lui non ha mai vinto. Poletti  è un ministro del Lavoro per caso, ma sono tutti lì per caso. Ed è il caso che interpreta Renzi...". Molti i pareri espressi dal leader 5stelle sui vari tempi sul tavolo della politica di questi giorni, Lavoro e Italicum migranti e pensioni .

Sulle magliette dei partecipanti il profilo nero su sfondo rosso di Beppe Grillo con tunica e lupo alle sue spalle. Ribadisce il carattere francescano della marcia anche anche Gianroberto Casaleggio. "È una marcia francescana. Io ci credo nell'approvazione c'è in tutti i Paesi civili, di tutta Europa. Noi siamo tra i pochi a non averlo. Ce la faremo, verrà approvato". Arriva sul blog di Beppe Grillo anche un commento di Andrea Camilleri sull’iniziativa “il termine marcia lo usava Mussolini“

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password