Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Camera, i conti tornano: 50 milioni di avanzo e taglio spese di 10 milioni

Condividi su:

Si chiude con un saldo positivo tra entrate e uscite di 49,7 milioni di euro il conto consuntivo per l'esercizio 2023 della Camera dei deputati, approvato oggi all'unanimità in Ufficio di presidenza. Lo rende noto la Camera.  

Nella seduta odierna è stato anche approvato il bilancio di previsione per il 2024 e per il triennio 2024-2026, che riduce di oltre 10 milioni di euro la spesa di funzionamento. Se nel 2023 era di 526,7 milioni di euro, nel 2024 è scesa a 516,3 milioni di euro. Sempre dal bilancio previsionale emerge un'ulteriore riduzione della spesa di funzionamento, nel 2026, di circa 1 milione di euro rispetto al 2024, per effetto della quale i costi si assestano a 515,5 milioni di euro. Diminuisce anche la spesa per l'acquisto di beni e servizi, in circa dieci anni, di 43,8 milioni di euro e, in termini percentuali, del 33,2 per cento. 

Per quanto riguarda le entrate, per l'anno in corso e per i successivi due si conferma, immutata, l'entità della dotazione a carico del bilancio dello Stato di 943,16 milioni di euro. Tale importo è rimasto invariato dal 2013, quando era stato ridotto di circa 50 milioni di euro rispetto all'anno precedente.  

(Adnkronos) - L’Ufficio di Presidenza, su proposta del Collegio dei Questori, in continuità con quanto deciso negli anni precedenti, ha inoltre prorogato fino all'intera annualità del 2026 le misure di contenimento della spesa per i deputati, con riferimento all’indennità parlamentare e ai rimborsi.  

Dunque anche quest'anno l'indennità parlamentare non sarà adeguata al trattamento dei magistrati con funzioni di presidente di Sezione della Corte di Cassazione. Senza la proroga di queste misure, la spesa per il 2026 avrebbe registrato un incremento pari a 29,4 milioni di euro.  

Per quanto riguarda la spesa previdenziale, si sottolinea che è una voce incomprimibile, dal momento in cui attiene ai cosiddetti diritti quesiti, ossia non toccati da eventuali modifiche legislative. L'incremento che, a questa voce, si registra è di circa 20 milioni di euro (+4,5 per cento), inferiore all'aumento della spesa pensionistica del Paese, che da Documento di economia e finanza è previsto del 5,3 per cento. 

Condividi su:

Seguici su Facebook