Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Luigi Di Maio a Giorgia Meloni: "Se rinegozi il Pnrr perderemo soldi".

Condividi su:

"Vedi, tu puoi passare anche tutte le giornate a rassicurare il mondo che l'Italia sarà in buone mani, ma non è così. E lo sappiamo perché i tuoi alleati, Berlusconi e Salvini, sono amici di Putin. Addirittura, Salvini voleva barattare Putin con Mattarella. Berlusconi ha sempre avuto legami con Putin, e addirittura sono contro le sanzioni alla Russia, che significa fare il gioco di Putin sul gas". 

Parole rivolte a Giorgia Meloni del ministro degli Esteri e capo politico di Impegno civico Luigi Di Maio, in un video su Facebook, “Significa - prosegue Di Maio - permettere a Putin di ricattarci ancora e portare le bollette energetiche delle imprese ancora più in alto. Significa non fare il prezzo al tetto del gas, perché ci isoleremo a livello internazionale. E poi ci sono anche le tue amicizie, con quei leader di Paesi europei che hanno snobbato il Pnrr, non hanno preso i soldi del Pnrr pur di non cambiare le loro regole interne sui diritti e sulla Rule of Law. Questo significa che grazie alle tue amicizie l'Italia sarà ancor più isolata in Europa, non solo a causa di Salvini e Berlusconi, ma anche per le tue alleanze. Tu hai detto di voler rinegoziare il Pnrr. Quel piano ci è servito a uscire dalla pandemia, 230 miliardi di euro, ed è il motivo per cui ci serve più Italia in Europa. Tu hai detto che lo vuoi rinegoziare. Ti risponderanno che siamo la solita Italia, quella che non vuole tenere fede agli impegni, perderemo i soldi del Pnrr".

Di Maio poi prosegue: “Raccontare la verità in questa campagna elettorale credo sia l'atto più rivoluzionario che si possa fare. Certo, non parleremo solo di te e delle tue proposte, delle tue amicizie internazionali ed europee. Parleremo anche delle nostre proposte. Del fatto che si deve fare il tetto del gas, come stavamo facendo con il governo Draghi prima che lo faceste cadere, che si deve fare il salario minimo, ma anche il salario equo per pagare quanto valgono le persone in base alle loro conoscenze, esperienze, formazione. E anche aiutare i giovani ad accedere ai mutui e farsi una famiglia”.

(Foto Wikipedia fonte ansa.it)

Condividi su:

Seguici su Facebook