Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Busta con proiettili indirizzata ai dissidenti del M5S

Intanto Grillo conferma altre 5 espulsioni

a cura della redazione
Condividi su:

Una busta contenente due proiettili è stata intercettata dal centro di smistamento di Roserio (Mi). La lettera era indirizzata «al Parlamento, piazza Montecitorio, Roma» con i seguenti destinatari: gli espulsi dal Movimento 5 Stelle Lorenzo Battista, Luis Orellana, Francesco Campanella, Fabrizio Bocchino, Paola De Pin (quest'ultima uscita di propria volontà l'anno scorso dopo l'espulsione di Adele Gambaro) e del questore di Scelta Civica, Stefano Dambruoso.

 

ALTRE ESPULSIONI - Nel frattempo altre espulsioni scuotono il Movimento 5 Stelle. Beppe Grillo sul proprio blog ha sentenziato: «Bencini, Bignami, Casaletto, Mussini e Romani sono fuori dal M5S».
Grillo ha spiegato sul sito: «I senatori eletti come portavoce del M5S Bencini, Bignami, Casaletto, Mussini e Romani hanno rassegnato le loro dimissioni dal Senato e le hanno presentate ufficialmente al presidente del Senato, Piero Grasso. Questo gesto non è stato motivato da particolari situazioni personali, familiari o di salute, come solitamente avviene in questi casi, ma come gesto politico in aperto conflitto e contrasto con quanto richiesto dal territorio, stabilito dall'assemblea dei parlamentari del M5S, confermato dai fondatori del M5S e ratificato dagli iscritti certificati in Rete, in merito ai quattro senatori espulsi. È stato loro chiesto se confermassero o meno la propria posizione e l'hanno ribadita. I senatori dimissionari si sono pertanto isolati dal MoVimento 5 Stelle e non possono continuare ad esserne rappresentanti ufficiali nelle istituzioni. Bencini, Bignami, Casaletto, Mussini e Romani sono fuori dal M5S».

Condividi su:

Seguici su Facebook