Marocco. Il Re Mohammed VI presiede la cerimonia di nomina dei membri del nuovo governo

È un governo giovane, progressista, composto da competenze capaci attuare la strategia di sviluppo del Marocco su impulso del Re MohammedVI.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 07/10/2021 in Politica da Belkassem Yassine
Condividi su:
Belkassem Yassine

Il Re Mohammed VI del Marocco, accompagnato dal Principe ereditario Moulay El Hassan e dal Principe Moulay Rachid, ha presieduto giovedì 07 ottobre 2021 al Palazzo Reale di Fès la cerimonia di nomina dei membri del nuovo governo guidato da Aziz Akhannouch, composto da 24 ministri, tra cui 7 donne. 
Si tratta del terzo governo marocchino del dopo-riforma costituzionale del 2011. 
Il nuovo capo del governo Aziz Akhannouch è presidente del partito Raduno Nazionale degli Indipendenti il primo partito in Marocco per i seggi parlamentari avuti nelle elezioni dell'8 settembre.
Akhannouch ha scelto la sua squadra in base ai criteri dei profili, del rigore, della competenza e del rinnovamento delle élite, in particolare attraverso la presentazione di candidati tra i giovani e le donne. È un governo giovane, progressista, composto esclusivamente da competenze in grado di attuare la strategia di sviluppo del paese e di accompagnare la sua inesorabile marcia verso l'emergenza economica su impulso del Re MohammedVI.
Dopo aver raccolto 270 seggi dei 395 che compongono la Camera dei rappresentanti in occasione dello scrutinio dell'8 settembre, la maggioranza governativa composta dal Raduno Nationale degli Indipendenti (RNI), dal Partito Authenticità e Modernità (PAM) e dal Partito dell'Istiqlal (PI) si è confermata il 5 ottobre con 63 seggi sui 120 nella Camera dei consiglieri. In tal modo è garantita una larga maggioranza a livello di due Camere del Parlamento. 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password