Capo Polisario latitante entrato in Spagna per cure mediche. I Saharawi chiedono suo arresto immediato

Presentata denuncia da ASADEDH all’Audience Nationale per informare il procuratore generale della presenza di Ghali in Spagna e richiesta apertura di procedimento giudiziario

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 23/04/2021 in Politica da Belkassem Yassine
Condividi su:
Belkassem Yassine
Brahim Ghali e la sua vittima Mahjouba

Brahim Ghali, il capo del gruppo Polisario, è stato ricoverato in un ospedale in Spagna, a Logroño, vicino a Saragozza, per gravi difficoltà respiratorie aggravate di Covid-19 e di cancro allo stomaco. Secondo la stampa iberica, si sono svolte trattative di alto livello tra Algeria e Spagna per l'accesso di Ghali nel territorio spagnolo con identità falsa e passaporto diplomatico algerino. Citando addirittura il coinvolgimento del presidente algerino nel convivere il capo del governo spagnolo anche per trascurare la magistratura. 

Secondo il ministero degli Esteri spagnolo, il capo del gruppo separatista Polisario è stato trasportato in Spagna per cure mediche. Un funzionario del MAE spagnolo, che ha preferito di non essere nominato, ha dichiarato che Ghali era stato portato in Spagna "per motivi strettamente umanitari", spiegando che "non è possibile fornire ulteriori dettagli a causa della natura umanitaria del caso". 

La Corte Nazionale spagnola ha indagato su Ghali nel 2008 e poi nuovamente nel 2016 per genocidio, terrorismo, sequestro di persone, stupri e altri crimini a seguito delle denunce di un gruppo di donne e uomini dissidenti del suo gruppo. 

In questa occasione l’avvocato dell’Associazione Sahrawi dei diritti dell'uomo ASADEDH ha presentato una denuncia presso il tribunale centrale d’istruzione n. 5 dell’Audience Nationale in data 22 aprile 2021 per informare il procuratore generale del fatto che è venuto a conoscenza della Difesa dell’ASADEDH l’ospedalizzazione alla città di Logroño del ricercato dalla  giustizia spagnola il segretario generale del gruppo polisario, Brahim Ghali, che è entrato in Spagna con una falsa identità con il nome di Mohamed Benbatouche per sfuggire al procedimento giudiziario spagnolo. 

Con questa denuncia la Difesa dell’ASADEDH chiede l’apertura del presente procedimento e la cooperazione della polizia, tenendo conto di quanto segue:

- La verifica attraverso le autorità giudiziarie che Mohamed Benbatouche è effettivamente Brahim Ghali, Segretario generale del Fronte Polisario.

- Una volta accertata l’identità, chiede di notificare a Brahim Ghali l’esistenza della presente denuncia.

- L’audizione di Brahim Ghali in qualità di ricercato presso l’ospedale di Logrono, dove è  ricoverato.

- La nomina di un avvocato e di un interprete per accompagnare il ricercato nell’annotazione delle sue dichiarazioni. 

- L’emissione di un mandato d’arresto e la detenzione del ricercato Brahim Ghali per non eludere l’azione della giustizia spagnola e internazionale.

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password