Festa del Trono: Il Re mohammed VI chiede una maggiore mobilitazione per superare la crisi del coronavirus

Misure marocchine anticoronavirus

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 30/07/2020 in Politica da Belkassem Yassine
Condividi su:
Belkassem Yassine
Re Mohammed VI

Nel discorso alla nazione in occasione del 21esimo anniversario della sua intronizzazione, il Re Mohammed VI ha elogiato ieri sera lo sforzo collettivo e il lavoro svolto da tutte le parti coinvolte e il rigore e la solidarietà dimostrati dai cittadini per contrastare la pandemia di Covid-19.

Il Sovrano ha puntato il dito sulle principali carenze che devono essere affrontate con urgenza che riguardano in primo luogo i precari e chi svolge lavori nel settore informale.

Il Marocco ha dovuto prendere decisioni difficili ma necessarie per superare questo periodo. 

Il Sovrano ha evocato le ricadute economiche e sociali delle misure di contenimento, ricordando a questo proposito la creazione del Fondo Covid-19 e le diverse iniziative di sostegno alle categorie colpite.

Inoltre, il Re ha chiesto maggiore mobilitazione per una strategia che consenta di gestire il dopo Covid-19 e una revisione del sistema di previdenza sociale per migliorarlo e generalizzarlo.

Il discorso Reale incentrato sulla ripresa economica di cui 120 miliardi di Dirham stanziati saranno investiti nell’economia rappresentano "l’11 per cento del PIL". "Il Marocco è uno dei paesi più coraggiosi nella politica di ripresa economica post-crisi", ha sottolineato il Sovrano ritenendo che fosse necessario creare un fondo strategico d’investimento per sostegno alle attività di produzione, di accompagnamento e di finanziamento dei grandi progetti d’investimento pubblico-privato, in una serie di settori.

Richiesta la generalizzazione della copertura sociale e sottolineata la sua partenza progressiva di questa da gennaio 2021.

Per quanto riguarda la situazione sanitaria, il Sovrano ha chiesto alla vigilanza, alla solidarietà, al rispetto delle misure sanitarie e all’elaborazione di un piano che mantenga la necessaria mobilitazione e consenta di affrontare eventuale seconda ondata della pandemia. "Il nostro lavoro non è solo quello di contrastare la pandemia, il nostro obiettivo è anche quello di porre rimedio alle sue ripercussioni economiche e sociali nel quadro di una visione globale lungimirante che tenga conto degli insegnamenti tratti dal periodo in corso.

Sul Fondo di solidarietà COVID19, il Sovrano ha indicato che sono stati mobilitati 33 miliardi e 700 milioni di DH. Il totale delle spese finora sostenute ammonta a 24 miliardi e 650 milioni di Dirham. Tale somma ha permesso il finanziamento delle misure di sostegno sociale e l’acquisto del materiale medico necessario. 

Nel quadro della ripresa economica, alla Cassa centrale di garanzia (CCG) saranno destinati 5 miliardi di Dirham. 

Infine il capo di Stato  ha spiegato che quest’anno la commemorazione della Festa del Trono coincide con Eid Al-Adha, un momento di sacrificio, lealtà e fermo impegno per la giustizia attraverso la forza duratura di questi legami e la loro piena reciprocità che siamo indissolubilmente uniti, nei tempi buoni come nelle avversità.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password