Mattarella si prende una pausa di riflessione senza dare l'incarico

Dopo la nomina di Conte, il Presidente decide di prendersi del tempo per pensare su alcuni punti

pubblicato il 22/05/2018 in Politica da Samantha Ciancaglini
Condividi su:
Samantha Ciancaglini

Lega Nord e Movimento Cinque Stelle hanno presentato il loro governo, con Giuseppe Conte come Presidente del Consiglio.

Toni di vittoria, di unione e di cambiamento, frenati da una pausa di riflessione del Presindente della Repubblica, Mattarella. Secondo il Presidente, infatti, ci sono ancora dei nodi da sciogliere.

Non è tanto il suddetto Conte a dar problemi, presentato come esecutore di un programma di governo deciso dai due partiti. Ma è il governo stesso il punto di domanda: sarà credibile? Riusciranno a collaborare? Come si muoveranno nella politica internazionale?

E' stato Mattarella stesso a ricordare il ruolo chiave del Presidente del Consiglio, citando l'Art. 95 della Costituzione "Il presidente del consiglio dei ministri dirige la politica generale del governo e ne è responsabile. Mantiene l'unità di indirizzo politico ed amministrativo, promuovendo e coordinando l'attività dei ministri". NOn è quindi un servo obbediente dei due leader, ne un mero esecutore, ma ha un vero e proprio ruolo di direzione politica.

Si rischia quindi di non avere un'autorità e una leggittimazione a livello internazionale: Conte è stato bollato dai giornali esteri come "Principiante", perchè manca di quel'approvazione popolare, di quel carisma, di quella figura di spicco.

Un altro nodo importante preme il Presidente della Repubblica: il nome di Paolo Savona. L'economista, una volta di provata fede ciampiana, è diventato un alfiere delle posizioni anti-europeiste e delle teorie dello sforamento del deficit.

E allora non ci resta che attendere.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password