No alla Bolkestein, Ricchiuti (P.P.I.): "Recepirla è una idiozia suicida"

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 25/10/2017 in Politica da Paolo Ambrogi
Condividi su:
Paolo Ambrogi

"Siamo contrari – dichiara Lino Ricchiuti presidente nazionale del movimento politico Popolo Partite Iva - all’applicazione della Bolkestein per gli ambulanti. Solo in Italia la Direttiva Ue sulla libera circolazione dei servizi coinvolge il settore del commercio nelle aree pubbliche, un comparto fatto di 200mila piccole imprese e 400mila lavoratori che rischia di venir spazzato via".
La semplificazione delle procedure amministrative e burocratiche per esercitare temporaneamente un’attività commerciale dentro uno dei Paesi comunitari è uno dei punti più osteggiati dalla categoria.
Ciò comporta – prosegue Ricchiuti – che i commercianti italiani, dotati di regolari licenze già acquistate in passato e con rinnovo automatico, debbano partecipare ai nuovi bandi per ottenerne il rinnovo. Le graduatorie, però, non terranno più conto né dell’anzianità, né della professionalità e comporteranno che, per alcuni periodi, molti ambulanti saranno costretti a rimanere fermi e quindi senza lavoro. Sono sei anni – conclude Ricchiuti – che si continua a mettere a rischio una categoria, preferendo dare le nostre strade e piazze in pasto al grande capitale e togliendole agli ambulanti che rappresentano un patrimonio economico e culturale per il nostro Paese, recepire questa direttiva è una ennesima idiozia suicida per la microeconomia del nostro Paese”.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password