Sospesi per 15 giorni i M5s che fecero irruzione nell'ufficio della presidenza

I 19 deputati provarono ad entrare con la forza, dopo la votazione sui vitalizi

pubblicato il 31/03/2017 in Politica da Samantha Ciancaglini
Condividi su:
Samantha Ciancaglini

Era il 22 marzo e c'era stata la votazione per l'abolizione o la modifica dei vitalizi parlamentari. Dopo che fu approvato il progetto del Pd, i grillini hanno cercato di entrare con la forza nell'ufficio della presidenza, dove vi era stata la votazione, per esprimere la propria indignazione. E' arrivata una sospensione per quei 19 deputati.

A deciderlo l'ufficio di presidenza, riunitosi oggi per stabilire le sanzioni. Tutti hanno votato per la sospensione, ad eccezione di Roberto Fraccaro,membro M5S dell'Ufficio di Presidenza. Nella motivazione si legge che si è trattato di un fatto "senza precedenti, di una gravità assoluta e con modalità aggressive. Quattro assistenti della camera, tre donne e un uomo, sono dovuti ricorrere alle cure mediche dopo il tentativo di forzare il cordone davanti l'ufficio di presidenza".

Sono poi 10 i giorni di sospensione per i 5 Stelle che hanno protestato in Aula ma restando nei loro banchi; 12 i giorni di sospensione per chi ha protestato sotto i banchi della presidenza; 5 per chi ha protestato davanti alla porta dell'ufficio di presidenza.

Riccardo Fraccaro al termine della riunione, ha riferito che i giorni di sospensione saranno scaglionati per evitare una assenza 'di massa' in Aula, e comunque non riguarderanno i giorni in cui sarà votato il biotestamento, così come chiesto dal Movimento Cinquestelle.

I Cinque Stelle sono scesi in piazza per protestare contro questa decisione: si sono messi in fila, davanti a telecamere e fotografi, mostrando cartelli - ognuno di loro ne teneva uno - con il volto dei deputati degli altri partiti che fanno parte dell'ufficio di presidenza e che sono "responsabili" di aver bocciato la proposta 5 Stelle di estendere la legge Fornero anche ai parlamentari, su ogni manifesto c'è in bella vista la faccia del deputato, il suo nome, il partito di riferimento e sotto lo slogan #sifreganolapensione.

  • Argomenti:
  • m5s

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password