Prima pagina di Libero con il titolo “Patata Bollente”: è bufera

Il titolone sul caso Raggi, criticato come “Spazzatura”

pubblicato il 10/02/2017 in Politica da Samantha Ciancaglini
Condividi su:
Samantha Ciancaglini

Libero apre in prima pagina con un articolo sulla sindaca di Roma Virginia Raggi: “Patata Bollente.”
Il titolone attira una valanga di critiche dagli utenti social: il quotidiano è accusato di sessismo.

Un’indignazione generale per il titolo considerato “vergognoso” nei confronti della Sindaca Raggi. Soprattutto un’indignazione bipartisan, visto che accomuna i sostenitori della Raggi, ma anche i suoi oppositori, che vedono nel titolo un'ulteriore offerta ai grillini per attaccare la stampa e i cronisti.

Da questa mattina, molti sono coloro che esprimono solidarietà al primo cittadino romano su Twitter e Facebook: il titolo è stato definito "imbarazzante", "vergognoso", "scandaloso", "discutibile", "becero" e "comico". 

Unanime anche l'appello all'Ordine dei Giornalisti e al suo presidente Enzo Iacopino per chiedere di sanzionare in modo esemplare il giornale per l'ennesimo titolo provocatorio.
Beppe Grillo esprime la sua massima solidarietà alla grillina, “Questa è l'informazione italiana". A fargli eco in un tweet è Luigi Di Maio: "Non so se sia sessismo o semplice idiozia, in ogni caso mi fa schifo. La mia solidarietà a Virginia Raggi. La stampa ha superato ogni limite".
Ancora su Twitter, arriva anche il commento della presidente della Camera Laura Boldrini, che esprime "Piena solidarietà alla sindaca Virginia Raggi per volgarità sessista del quotidiano Libero. Questo è giornalismo spazzatura".
"Questa prima pagina fa semplicemente schifo. Solidarietà a Virginia Raggi", rilancia il presidente del Pd Matteo Orfini, seguito dall'ex candidato sindaco di Roma Roberto Giachetti, che scrive: "La prima pagina di Libero è una schifezza, senza se e senza ma".
Anche Nichi Vendola si scaglia contro il giornale: "Raggi sciagura per Roma, ma sto con lei se offesa."

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password