Matteo Salvini e le pesanti parole sulla morte di Carlo Azeglio Ciampi

Il leader della Lega interviene ai Microfoni di Sky TG 24

pubblicato il 16/09/2016 in Politica da Nicola Biagi
Condividi su:
Nicola Biagi

Matteo Salvini segretario federale della Lega interviene ai microfoni di Sky Tg 24 esce con parole aspre sulla morte di Carlo Azeglio Ciampi, condannate poi da tutte le parti del mondo politico e non. "Al di là del cordoglio per la morte del presidente emerito Carlo Azeglio Ciampi, politicamente è stato uno dei traditori della' Italia, al pari di Napolitano e di Prodi"  queste le sue parole al Tg di Sky, proseguendo  " Ciampi e' politicamente uno dei complici della svendita dell'Italia Italia ai poteri forti, ai massoni, ai banchieri e ai vecchi finanzieri, come Napolitano Prodi e Monti. Politicamente parlando quindi era lontanissimo da quello che era l' interesse dei cittadini" , successivamente poi offre il suo cordoglio alla famiglia Ciampi, "cordoglio alla famiglia per la morte di Ciampi e una preghiera". Riproponendo poi su Facebook un post che ricalca comunque i giudizi espressi in precedenza dal leader della Lega. Ecco le parole del suo post: " È' morto Carlo Azeglio Ciampi. Come per tutti, umano cordoglio e un pensiero alla famiglia. Senza dimenticare però che fu uno dei tanti ( da Napolitano a Scalfaro, da Prodi a Monti) a svendere il lavoro, la moneta, i confini e il futuro dell' Italia. Un fiume in piena di reazioni si sono susseguite dopo le pesanti parole di Matteo Salvini nei suoi confronti. Il ministro dell' ambiente Gian Luca Galletti e' intervenuto dicendo:" Parole vergognose quelle di Salvini nei confronti di Carlo Azeglio Ciampi, lui sì che è un vero traditore della patria, specie se non avrà neanche il buongusto di chiedere scusa per le sue parole indecenti. Ciampi è stato davvero un grande italiano ed un grande europeo, e' incredibile oggi leggere parole come quelle scritte da Salvini".

Anche il senatore del Partito Democratico Stefano Esposito poi si è espresso in merito sulle dichiarazioni del leader del carroccio. "  Salvini ci ha abituati da tempo a una demagogia becera e spicciola ma oggi non solo il suo attacco a un servitore dello Stato, onesto e coerente come Carlo Azeglio Ciampi, è la rappresentazione plastica di un individuo che dello sciacallaggio ha fatto uno stile di vita, ma è un gesto vergognoso che dimostra quanto dopo aver toccato il fondo si possa fare di peggio". Infine anche il senatore di Forza Italia Francesco Giro  è intervenuto sottolineando sulle parole di Salvini, "Salvini? Un leader non parla così. Non essere ipocriti non significa essere a tutti i costi inopportuni".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password